Istruzione
 

Crescere giocando: il progetto "Corri, Salta & Impara" a Catania

29 mag 2016 - 08:06

CATANIA - Potenziamento dell’educazione fisica nella scuola dell’infanzia ed educazione per i più piccoli. Da qui nasce il progetto “Corri, Salta & Impara”, lanciato dall’USR Calabria ed esteso a tutto il territorio nazionale su delibera del Miur.

Un percorso ludico in accordo con il CONI, finalizzato all’arricchimento e all’ampliamento dell’offerta formativa attraverso delle innovazioni educative in ambito ludico-motorio-emotivo per i bambini dai 3 ai 5 anni.

Così, anche a Catania è stato messo in atto il progetto ispirandosi alla favola morale più famosa al mondo: “Pinocchio”. Sulla scia di questa storia, infatti, i bambini hanno potuto sperimentare ruoli diversi, in base alle tendenze caratteriali dei personaggi del romanzo di Carlo Collodi, e confrontarsi con situazioni e rapporti differenti. E, attraverso questa esperienza, hanno avuto modo di imparare giocando, acquisendo un senso morale.

Con questa iniziativa, gli alunni delle terze sezioni della scuola di infanzi sono stati divisi nei gruppi dei grilli, delle volpi e dei bambini. Dopo una preparazione composta da 5 fasi (racconto della storia, spiegazione del ruolo del grillo e della volpe, la costruzione della mascotte, la realizzazione delle coccarde, l’utilizzo dei linguaggi verbali e l’utilizzo di quelli non verbali), si è potuto dare spazio all’aspetto ludico-educativo: dopo il fischio che decreta l’inizio del gioco, gli infanti hanno interpretato diversi ruoli. 

Nella provincia di Catania a prendere parte al progetto, nel corso dell’anno scolastico che sta per concludersi, sono state oltre 20 scuole. Un totale di quasi mille “attori” coinvolti fra bambini, docenti e dirigenti scolastici. È a loro che è andato il saluto ed il ringraziamento dell’Ufficio scolastico provinciale portato dal docente esperto di educazione fisica e sportiva del Miur di Catania Sergio Regalbuto nel corso della giornata conclusiva che si è svolta ieri mattina al Palaspedini.

Un saggio di fine anno, abilmente organizzato dalla professoressa Eleonora Pecoraro, referente-tutor per Catania, che ha visto coinvolte sette istituzioni scolastiche: I.C. “Cesare Battisti” di Catania, I.C. “Antonio Bruno” di Biancavilla, I.C. “San Domenico Savio” di San Gregorio di Catania, I.C. “Galileo Galilei” di Maletto, I.C. “Carlo Levi” di Maniace, Direzione Didattica II Circolo di Bronte, II Circolo Didattico “Don Antonino La Mela” di Adrano.

 

Andrea Lo Giudice