Ispezioni
 

Controlli a Catania, sequestro al bazar Wang Zhogjun: anche un bar sotto torchio

Commenti

commenti

4 gen 2017 - 11:40

CATANIA - Ancora controlli a Catania a tutela della salute e della vita dei cittadini. 

A essere sottoposto a verifica è stato il Bazar in viale Mario Rapisardi “Wang Zhogjun”, dove è stato sequestrato un ingente quantitativo di merce posta in vendita perché privo di marchio CE e, quindi, mancante delle relative informazioni e indicazioni in lingua italiana volte a garantirne la conformità alle norme europee. Nello specifico diversi articoli di uso domestico ed elettrico. Per questo, la sanzione potrà variare da un minimo di 516 euro a un massimo di 25.823.

Anche un altro punto vendita in via della Concordia gestito da un cinese è stato sottoposto agli stessi controlli, dove sono stati sequestrati diversi prodotti non riportanti il marchio CE.

Ulteriori verifiche si sono svolte nel comune di Motta Sant’Anastasia dove, a seguito di accurati accertamenti, è stato sanzionato il titolare del “Bar Paticceria Tinnirello Antonino” di via Terre Nere. Nulla è stato riscontrato in merito alle condizioni igienico sanitarie, bensì la mancanza della procedura di autocontrollo (HACCP) che prevede una sanzione pecuniaria che va da mille a 6 mila euro. Rilevata anche la mancanza di tracciabilità di alcuni prodotti alimentari posti in vendita. Nessuna irregolarità è stata riscontrata per ciò che riguarda la conservazione degli alimenti e la pulizia dei locali.

 

Commenti

commenti

Redazione NewSicilia



Lascia un Commento