Fotolibro
 

Concluso "Gazebook": quando a parlare sono le immagini

14 set 2015 - 18:41

PUNTA SECCA – Tre giorni intensi, ricchi di emozioni, dove spesso sono state le immagini a parlare: parliamo di Gazebook, l’evento ragusano dedicato al fotolibro.

Quest’anno sono state trattate tante tematiche, da quelle più attuali a quelle storiche. E tra queste ha senz’altro colpito “La guerra – una storia siciliana”, di Tony Gentile. Una raccolta emozionante e che mette i brividi, perché si ferma e racconta gli anni in cui la mafia la faceva da padrona a Palermo. Con il terrore delle persone che sapevano di uscire di casa, ma non sapevano se mai sarebbero tornate. E, ovviamente, il fiore all’occhiello non poteva che essere lo scatto che ritrae i giudici Giovanni Falcone e Paolo Borsellino insieme, sorridenti e complici. Gli stessi che poi hanno fatto una brutta fine per mano della malavita palermitana: “Sicuramente è motivo di grande orgoglio per un fotografo di news - spiega Gentile -. Ma mi mette tristezza, perché quelle persone non ci sono più non per cause naturali”.

Grande ammirazione, però, anche per il fotolibro di Lorenzo Tricoli e Giulia Zorzi: una raccolta di immagini attuali e di storia recente abbinate alle frasi della fiaba di Pinocchio. E, infine, anche per quello di Federico Clavarino “Italia o Italia”. Un modo originale di raccontare la vita reale e attuale degli italiani, tra bellezze architettoniche e sfaccettature tristi della vita sociale. 

Andrea Lo Giudice