#fuoridalcampo
 

Catania Social: tutti "A sostegno di una fede"

19 dic 2016 - 10:43

CATANIA – La vittoria contro la Casertana è servita a tutto: morale, classifica e fiducia.

Mazzarani ha messo la firma sul tabellone e sul match in generale ma il merito va attribuito a tutta la squadra per una prestazione positiva, gruppo che si solidifica nonostante mille pressioni: l’ambiente rossazzurro vive un periodo florido in casa, con la settima vittoria consecutiva, e questo potrebbe dare la carica per maggiori risultati in trasferta.

A questo però, i giocatori del Catania pensano continuamente anche se non nascondono il loro entusiasmo per la vittoria: come da prassi, ormai, siamo tornati a ‘spulciare‘ sui profili social dei calciatori etnei che stavolta sono di status variegato. C’è infatti chi parla della vittoria in sé, chi attribuisce un significato più profondo o chi la dedica al gruppo ultras della Curva Nord che si è sciolto di recente. Il nostro ‘Catania Social’ è tornato.

I personaggi social, più o meno, sono sempre gli stessi: dal capitano Biagianti a Paolucci, passando per Djordjevic, Mazzarani, Russotto e giungendo alla speciale dedica di Domenico Di Cecco. Anche Caetano Calil, oggi, fa parte della nostra rubrica.

È proprio il 27 rossazzurro che titola su Instagram “A sostegno di una fede“, postando una foto che lo ritrae faccia alla Curva Nord rossazzurra a fine partita, accompagnata dagli hashtag che sottolineano i punti rossazzurri (27, proprio come il suo numero di maglia) ed il classico “let’s go liotru“.

Proseguiamo sul social detenuto da Facebook e parliamo di Andrea Russotto che urla metaforicamente “Grandi ragazzi“, definendo la partita contro la Casertana una vera e propria battaglia con dedica a Mazzarani: tra tutti gli hashtag, c’è il “mazzagol” e anche un omaggio alla settima vittoria in casa.

Non manca mai all’appuntamento Michele Paolucci, legatissimo alla città etnea. La sua è infatti una dedica per “noi stessi, per la storia e per la città”. Per lui soltanto pochi minuti a disposizione domenica scorsa ma ciò non toglie il grande grido “SETTEVOLANTE“, che dimostra quanto i calciatori rossazzurri tengano tutti a fare sempre risultato.

Per Stefan Djordjevic, su Facebook, l’1-0 è risultato di una grande vittoria, “Bravi leoni, con cuore e testa!!” è una delle frasi da lui utilizzate per commentare la partita dove anche lui è stato protagonista con diverse discese in attacco oltre alla buona copertura difensiva.

Segue sempre sul blue social Andrea Mazzarani nella sua pagina ufficiale: il man of the match pubblica una foto che lo vede esultare dinnanzi alla Curva Nord, abbracciato da Rosario Bucolo. È una “vittoria da squadra vera!” e anche lui utilizza il sostantivo “Leoni” per descrivere il gruppo di cui lui fa parte e in cui è riuscito ad entrare benissimo.

Come anticipavamo all’inizio, tornando su Instagram, Caetano Calil oggi fa parte del nostro ‘Catania Social’. Per lui nessuna dedica particolare, non c’è riferimento alla partita vinta: si parla di calcio, “it’s my life” (è la mia vita), scrive. Tra le emoticons utilizzate le palline rosse e azzurre, accompagnate da pallone da calcio, scarpette e nuvola con pioggia.

Certo, poi ci sono calciatori che all’interno del gruppo legano maggiormente e allora esce il lato umano, che si scinde da quello professionale. È il caso di Domenico Di Cecco e Dario Bergamelli: il centrocampista ex Lanciano approfitta di uno scatto che ritrae lui ed il pilastro difensivo rossazzurro. “Ci sono compagni di squadra che diventano come fratelli“, questa la sua descrizione. A rispondere è lo stesso Bergamelli con delle faccine innamorate (i cuori al posto degli occhi) ma anche Elio Calderini, vecchia conoscenza rossazzurra: “che belli siete” scrive, poi precisa scherzosamente. “Proprio belli no…

 

Gabriele Paratore