Incontro
 

Catania, "La Sicilia deve uscire dalla crisi": l'obiettivo del Centro Democratico

12 mar 2016 - 16:31

CATANIA - Fare uscire la Sicilia dalla crisi per darle una nuova posizione nello scenario mediterraneo e globale: è questo il motivo principale dell’incontro che si è svolto questa mattina a Palazzo della Cultura a Catania. 

“Fare di Catania, Regione East Sicily e Macroregione Sud il perno dello sviluppo nel Mediterraneo”, questo il tema dell’incontro del Centro Democratico coordinato da Bruno Tabacci che, da sempre impegnato nel territorio, ha deciso di ripartire proprio dalle origini.

Intervistato il coordinatore comunale Mario Lo Faro ci spiega come “l’obiettivo principale è quello di puntare sul Mezzogiorno portando tematiche ampie per invertire il senso di marcia preso fino ad oggi”. 

“La Sicilia ha bisogno di contenuti concreti, nuove tendenze – continua Lo Faro - che solo applicando metodi diversi si possono ottenere”. 

I contenuti concreti e cogenti di cui parla il coordinatore comunale del Centro Democratico puntano sui giovani per portare “una ventata di aria fresca…” e, soprattutto, “partire dai problemi legati alle infrastrutture, alla portualità e ai trasporti”. 

All’incontro, il vicesindaco di Catania, Consoli, doveva confrontarsi con i vicesindaci di Bari e Reggio Calabria, Brandi e Anghelone, anche loro del Centro Democratico. Tutto questo per cercare di riposizionare nel Mediterraneo non solo la Sicilia ma anche il Mezzogiorno. L’appuntamento è stato spostato in una sede secondaria e in un incontro in cui si cercherà di “creare un asse di collegamento tra Catania, Bari e Reggio Calabria”.

Infine, Lo Faro ha sottolineato l’importanza dei finanziamenti e della gestione di quest’ultimi. Infatti, “i soldi non sono mai mancati ma quella che è sempre venuta meno è stata la professionalità nel gestirli”.

Un confronto più che un incontro da cui, si spera, la Sicilia ricavi qualcosa di positivo per riuscire a “risollevarsi” dalla crisi. 

Rossana Nicolosi