Evento
 

Da Catania a Rimini l’Alberghiero “Karol Wojtyla” trionfa al Sigep

19 feb 2016 - 17:08

CATANIA - Da Catania a Rimini l’Alberghiero “Karol Wojtyla” trionfa al terzo posto al Salone Internazionale di Gelateria Pasticceria, con il profumo degli agrumi tra storia e innovazione.

Una giornata davvero speciale per gli allievi dell’Istituto “Karol Wojtyla” di Catania al Salone Internazionale di gelateria Pasticceria e pianificazioni artigianali Sigep Rimini Fiera, giunto quest’anno alla XXXVII edizione.

Uno spazio importante, nella sezione Sigep Giovani, è stato conquistato dagli studenti dell’Istituto Alberghiero “Karol Wojtyla” di Catania, scuola storica che da sempre ha partecipato, conquistando il terzo posto nel concorso “Cioccolato… che passione!” riservato alle scuole professionali da 25 anni.

Un ottimo traguardo per i “young” - sottolinea Orazio Torrisi - in solo due settimane di preparazione”.

Presenti i grandi maestri Iginio Massari, Leonardo Di Carlo, Roberto Rinaldini ed Emmanuele Forcone, con un’affluenza record di oltre 187mila visitatori professionali, 28mila dei quali stranieri.

Il concorso ha previsto 12 squadre tra scuole e centri di formazione più accreditati in Italia, ciascuna formata da 4 allievi per ogni scuola.

Prodotti richiesti: una tipologia di mignon, pralina e un dolce da passeggio.

Presidente della giuria Eliseo Tonti che vive in Svizzera, patria del cioccolato, i tre elaborati sono stati presentati al termine della gara in cui è stata valutata l’estetica dei singoli prodotti.

L’attività promuove life skill nell’area di competenza e per gli studenti dell’Alberghiero è stato un bellissimo lavoro di squadra, momento di crescita e formazione professionale, come osserva il dirigente scolastico Daniela Di Piazza orgogliosa per la posizione raggiunta nella gara, poiché le scuole di formazione hanno più ore di laboratorio mentre gli Istituti devono tener conto anche della didattica curriculare.

I ragazzi hanno rappresentato gli sapori e profumi della Sicilia, portando prodotti tipici (pistacchio, agrumi, mandorle) per creare sul posto con arte: praline al cioccolato con ripieno di gelée di lampone e ganache alle arachidi, riscuotendo parecchio successo, l’unica pralina con due tipologie di ripieno; un cestino mignon all’arancia con cremino alle nocciole e mousse al cioccolato e infine apprezzatissimo uno stecco da passeggio composto da semifreddo al pistacchio di Bronte, un semifreddo gianduia, e un croccante alle mandorle glassato di cioccolato bianco e glassa a specchio, rievocando lo scenario dell’Etna innevato.

Da Catania la squadra dell’Alberghiero composta da Montalto Ignazio, Vinciguerra Angelo, Marletta Simone, Giordano Saverio è stata capitanata e preparata dal professore Torrisi che ha sottolineato: “È stato un ottimo percorso formativo”.

Hanno offerto una impegnata collaborazione i docenti: Mario Failla, Giuseppe Musumeci e Giuseppe Leotta.

Lella Battiato

Redazione NewSicilia