Giovani
 

Catania Care per rendere la città migliore

Catania Care: l'associazione che salvaguardia la città

Catania Care: l’associazione che salvaguardia la città

CATANIA - Catania Care è un’associazione nata per rendere la città un luogo migliore.

Dei progetti già realizzati e degli obiettivi futuri ci parla Paolo Francesco Reitano, divenuto oggi il più giovane presidente di un’associazione a Catania. La sua è una squadra forte e compatta formata da ragazzi che vanno dai 15 ai 24 anni.

Partendo dalle origini della iniziale campagna civica dice: “Ci siamo riuniti in primavera per organizzare la riqualificazione dell’Anfiteatro Romano, monumento meraviglioso ma in condizioni pietose. La campagna era nata come movimento civico per trainare e coinvolgere i giovani a interessarsi della propria città, per valorizzare cultura, ambiente, territorio e tradizione. Dopo il nostro intervento, il 29 aprile la Regione Sicilia ha autorizzato l’IBAM CNR – Istituto per i Beni Archeologici e Monumentali di Catania alla gestione e valorizzazione del monumento, dopo anni di richieste. Il 10 maggio il Consiglio Comunale di Catania ha approvato l’accordo tra Regione e Comune a supporto dei siti archeologici cittadini, e ora l’Anfiteatro è il fiore all’occhiello del salotto catanese”.

Aggiunge inoltre: “Abbiamo aderito pienamente alla candidatura di Catania come Capitale Italiana della Cultura, promosso da Il Tavolo per le imprese. Domenica 22 maggio abbiamo partecipato, sotto invito, al Dibattito Cittadino di Facciamocentro, piattaforma di associazioni impegnate nella riqualifica del centro storico catanese e dei suoi beni. Domenica 12 giugno abbiamo collaborato con la sezione provinciale del FAI Giovani – Catania (Fondo Ambiente Italiano) per l’evento RI-FAI IL TUO CONVITTO, al Liceo Convitto Cutelli. L’evento aveva lo scopo di raccogliere fondi per il restauro dei portoni dell’istituto, veri e propri esempi storici di edilizia scolastica del settecento. Sabato 18 giugno abbiamo collaborato con Talìa – Associazione Culturale durante la manifestazione OccupaiCivita, iniziativa culturale basata sulla rinascita e sulla tradizione folkloristica dell’antico quartiere della Civita. Domenica 31 luglio abbiamo dato vita la prima ‘biblioteca a cielo aperto’ della città: prende vita Book Sharing Square“.

Il nuovo logo della campagna è stato realizzato ad agosto 2016 dal giovane graphic designer Ruggero Magrì che Reitano tiene ancora oggi a ringraziare.

Ci parla inoltre di uno dei numerosi eventi organizzati dall’associazione, “Per Natale, dona un libro ad un bambino”, grazie al quale oggi, 14 dicembre, al Museo REBA, raccoglieranno libri per bambini da donare alle scuole primarie della città.

La loro è ufficialmente un’associazione dal 7 dicembre 2016. Nonostante siano nati per combinazione ad oggi hanno reso e continuano a rendere Catania un posto migliore. A stupirsi di tanto da farsi fra i giovani è stato proprio l’assessore Licandro che vedendoli collaborare per ripulire l’Anfiteatro non ha mancato di complimentarsi con loro.

Reitano ci lascia così: “ Siamo nati per caso, continuiamo per scelta. Come mi ha insegnato lo scoutismo, per lasciare il mondo un po’ migliore di come l’abbiamo trovato. Ci riusciremo? Non lo so, ma la nostra è una bella storia. Proveremo a renderla grande“.

 

Redazione NewSicilia