Polizia
 

Catania, arrestato 22 enne maliano per detenzione di stupefacenti

12 apr 2016 - 17:42

CATANIA - Prosegue la pressante opera di bonifica di San Berillo Vecchio da parte dell’ufficio prevenzione generale e soccorso pubblico, disposta dal questore di Catania Cardona.

Gli agenti hanno infatti tratto in arresto Diara Ba, extracomunitario 22 enne maliano, per detenzione di sostanze stupefacenti, in particolare hashish.

Non appena acquisita notizia che un gruppo di stranieri centroafricani aveva da tempo avviato una piazza di spaccio di droghe leggere nel vecchio San Berillo essi, dopo essere stati sfrattati da uno stabile in via Pistone, avevano trovato riparo in un appartamento all’angolo tra via delle Finanze e via Di Prima transennato dal Comune perché pericolante.

È stata fatta quindi irruzione nell’immobile dove gli agenti, insieme con il cane Jagus, sono entrati dal balcone grazie al cestello dei Vigili del fuoco.

Una volta dentro, l’arrestato ha subito gettato una busta in terra tra l’immondizia. Questa però è stata recuperata e aperta: all’interno vi erano 100 grammi di hashish frazionato in 80 stecchette, simili a bastoncini, mentre il maggior quantitativo era intero.

Sempre ripartiti in stecchette, merito del cane Jagus, sono stati trovati altri 20 grammi di hashish dentro un involucro sopra il tetto di un appartamento adiacente allo stabile.

Durante il blitz, all’interno dell’appartamento vi erano altri nove africani, originari del Gambia, condotti in questura per accertamenti: otto di essi sono stati rilasciati in quanto provvisti di permesso di soggiorno o in attesa del riconoscimento dello status di rifugiato, mentre il nono è stato ulteriormente trattenuto poiché risultava essere gravato da un decreto d’espulsione.

Grazie agli operai del Comune si è precluso l’eventuale accesso futuro allo stabile dal balcone, mentre l’arrestato è stato trattenuto nelle camere di sicurezza del carcere di Catania in attesa del giudizio per direttissima.

Redazione NewSicilia