Lieto fine
 

Caltanissetta, cane smarrito da un mese ritrovato e restituito ai proprietari

Commenti

commenti

3 gen 2017 - 16:54

CALTANISSETTA - Si è conclusa con un lieto fine la storia di Buk, un setter inglese di 10 anni di proprietà di una famiglia nissena che, a fine novembre, era fuggito dal suo box allontanandosi per le campagne tra Caltanissetta e San Cataldo.

A dicembre, infatti, era stato notato da una coppia, Stefania Ristuccia e Salvatore Scarciotta che, da veri amanti degli animali, hanno cercato di ristorarlo e nutrirlo. Subito dopo hanno contattato le Guardie Zoofile del WWF nisseno per segnalare il ritrovamento del cane; immediatamente le Guardie hanno raggiunto l’animale e, tramite apposito lettore in dotazione, hanno rilevato il codice numerico del microchip sottocutaneo con il quale Buk era stato registrato, dai suoi proprietari,  all’anagrafe canina come imposto dalla legge regionale 15/2000 sul randagismo.

Grazie al microchip, quindi, le Guardie Zoofile WWF hanno contattato i servizi veterinari dell’A.S.P. di Caltanissetta, organo di gestione dell’anagrafe canina, e si è risaliti ai proprietari: immediatamente contattati, poco prima di capodanno hanno potuto riabbracciare il loro Buk che, scodinsolante, è ritornato a casa.

“Desideriamo ringraziare pubblicamente Stefania Ristuccia e Salvatore Scarciotta per il loro senso civico ed amore per gli animali – dichiara Ennio Bonfanti, coordinatore provinciale della Vigilanza WWF – ma la cosa fondamentale per il buon esito di questa vicenda è stata sicuramente l’applicazione del microchip (obbligatorio per legge dal 2000) e la conseguente iscrizione del cane alla banca dati nazionale dell’anagrafe canina. Inoltre, in maniera molto diligente, i proprietari di Buk ne hanno subito denunciato la scomparsa ed anche questo evento è stato correttamente registrato in banca dati”.

In proposito, il WWF ricorda che è obbligatorio su tutto il territorio nazionale provvedere all’identificazione e alla registrazione dei cani nell’Anagrafe canina in conformità con le disposizioni della Regione Siciliana e dei Comuni, di cui alla Legge regionale n. 15/2000: il proprietario o il detentore di un cane deve far identificare e registrare l’animale entro il secondo mese di vita tramite l’inoculazione del microchip e contestualmente richiedere il rilascio del certificato di iscrizione in anagrafe, che costituisce il documento di identità e che deve accompagnare il cane in tutti i suoi trasferimenti di proprietà.

Prima di prendere un cane, a qualunque titolo, occorre accertarsi che l’animale sia stato identificato e iscritto all’Anagrafe canina. Dal 1° gennaio 2005 l’unico sistema identificativo nazionale per gli animali d’affezione è il microchip. Il microchip è un piccolo dispositivo elettronico, di forma cilindrica di circa 8/10 millimetri di lunghezza e 1/2 millimetri di diametro, contenente un codice magnetico di 15 cifre, rivestito in materiale biocompatibile, che viene inoculato sottocute esclusivamente da un medico veterinario.

L’identificazione e la registrazione dei cani possono essere effettuate sia da veterinari ufficiali dell’A.S.P. di Caltanissetta, in maniera totalmente gratuita, che da veterinari libero professionisti, a pagamento, abilitati ad accedere all’anagrafe canina regionale.

Il proprietario è inoltre tenuto a comunicare all’Anagrafe canina anche l’acquisizione di un cane nato e registrato fuori Regione, la cessione definitiva o la morte del proprio animale, oppure il suo eventuale cambio di residenza. Per lo smarrimento del proprio cane, la segnalazione deve essere comunicata al Servizio Veterinario territoriale dell’A.S.P. competente entro dieci giorni.

Per i trasgressori sono previste sanzioni amministrative molto pesanti: la mancata iscrizione all’anagrafe canina comporta una sanzione amministrativa da € 86,00 a € 520,00 e da € 2.887,00 a € 17.325,00 qualora l’inosservanza riguardi cani di razze particolari, elencate nella legge regionale (american bulldog; dogo argentino; pit bull ecc.); per la mancata applicazione del microchip la sanzione va da € 173,00 a € 289,00; per la mancata denuncia di smarrimento del cane, da € 578,00 ad un massimo di € 1.733,00.

Commenti

commenti

Redazione NewSicilia



Lascia un Commento