Cucina
 

Associazione Amira, inaugurata nuova delegazione di Cefalù

Commenti

commenti

15 mar 2017 - 18:11

CEFALÙ - Quando cucinare diventa un’arte. Quando la passione per la ristorazione diventa lavoro e vita. Una nuova delegazione entra a far parte della sezione occidentale di Amira (Associazione Maitre Italiani Ristoranti di Albergo): proprio quella di Cefalù è stata inaugurata lunedì 13 marzo nello storico Hotel Santa Lucia di Cefalù.

Una reunion di professionisti ed eccellenze del mondo della ristorazione e della formazione in una località con fortissima vocazione turistica che vanta la presenza di grandi strutture ricettive e rinomati ristoranti.

A salutare i presenti e moderare la convention il fiduciario Antonino Reginella. Al tavolo con lui, a raccontare i suoi 60 anni di professione il presidente onorario di Amira nazionale Carlo Hassan, il dott. Francesco Di Majo, dirigente scolastico dell’istituto alberghiero di Cefalù e l’onorevole Azzurra Cancelleri, portavoce della Camera dei Deputati del Movimento 5 Stelle. Presenti alla serata anche i soci Amira della sezione Palermo, Madonie e Nebrodi.

A fare da collegamento tra le varie sezioni il professor Salvatore Garbo, docente dell’IPSSAR Paolo Borsellino di Palermo, addetto alla formazione e nominato Ufficiale di collegamento. Durante la serata è stato nominato il delegato delle Madonie, il Maitre sommelier Angelo Daino che con altri esperti di ristorazione, ha partecipato all’esibizione alla lampada realizzando al flambè dei gamberoni.

Una cucina realizzata davanti ai clienti, al pubblico in questa occasione, che richiede conoscenza di tecniche di cucina, preparazione, manualità e padronanza nell’eseguire la ricetta. La serata si è conclusa con una Cena di Gala curata magistralmente dagli chef del “Santa Lucia”, Luciano Maggio e Gregorio Porretta.

“Obiettivo di A.M.I.R.A. – spiega il presidente Hassan – è qualificare sempre più la figura e la professione del Maître d’Hotel, valorizzare il servizio, creare occasioni d’incontro sulle problematiche relative al settore, favorire la formazione e dare un supporto ai giovani che vogliono fare questo mestiere”.

A rappresentare degnamente i giovani c’era il palermitano ventitreenne Luca Carabia, già veterano di gare e concorsi di cucina e promessa della ristorazione siciliana. Prossimo appuntamento di Amira sarà la visita alle Cantine Pellegrino a Marsala il 27 marzo.

Commenti

commenti

Redazione NewSicilia