Denuncia
 

Appartamenti a rischio crollo in via Volturno, Zingale: "Mettere in sicurezza per garantire incolumità"

Commenti

commenti

8 apr 2017 - 08:39

CATANIA - Il palazzo fatiscente e abbandonato che rischia di crollare in via Zia Lisa non è l’unico immobile che mette in serio pericolo la pubblica incolumità.

In via Volturno, infatti, ormai da anni si vive una situazione molto simile: a differenza di via Zia Lisa, però, in questo caso non si parla di un solo rudere.

A denunciarlo è il vice presidente della municipalità di “Cibali-Trappeto Nord-San Giovanni Galermo”, Giuseppe ZIngale, insieme ai consiglieri di quartiere Arena e Cavallaro.

Nella zona di Cibali presa in esame, sono decine gli appartamenti che rischiano di crollare da un momento all’altro, con il pericolo di seppellire sotto un cumulo di macerie le case dall’altra parte della strada e abitate da decine di famiglie.

Zingale, Arena e Cavallaro lanciano un appello all’amministrazione comunale affinché l’intera zona venga definitivamente messa in sicurezza.

Come dichiara il vice presidente della municipalità, “in questa parte del quartiere di Cibali, a pochi passi da una scuola e dallo stadio Angelo Massimino, queste catapecchie che cadono letteralmente a pezzi, con i balconi pericolanti e le porte e finestre murate, potrebbero diventare una risorsa per tutto il territorio. Le aste indette finora da Palazzo degli Elefanti per fare cassa erano deserte perché il prezzo fissato per loro è fuori da ogni logica di mercato“.

Zingale suggerisce di consegnarle alle associazioni o agli imprenditori del quartiere che, in cambio di un prezzo simbolico, potrebbero ristrutturarle e aprirle al quartiere. In tal modo, “al posto di siti degradati e abbandonati ci sarebbe l’opportunità di creare centri di aggregazione e socializzazione“.

Conclude il vice presidente della municipalità: “Tanto finora è stato fatto dall’amministrazione per il quartiere, frutto di una grande sinergia tra la circoscrizione e Palazzo degli Elefanti, ma oggi i residenti ci chiedono uno sforzo in più per garantire la propria incolumità. Sono convinto che il primo cittadino non si tirerà indietro di fronte a questa situazione sopratutto dopo che una parte dell’unico accesso alla strada da via Susanna resta impercorribile per auto e furgoni“.

Commenti

commenti

Redazione NewSicilia