Teatro
 

All'Ambasciatori attori diversamente abili in musical su San Francesco

24 mar 2016 - 19:22

CATANIA - Gli ospiti della RSA “Lucia Mangano” di Mascalucia, interpreti diversamente abili, hanno realizzato un musical d’eccezione sulla vita di San Francesco, andato in scena al Teatro Ambasciatori. 

“Forza venite gente”: è questo il titolo dell’opera, divisa in due atti, che ha emozionato oltre 1200 spettatori. 

Uno spettacolo curato nei dettagli dalla regista, scenografa, coreografa, costumista e animatrice dell’istituto, Giusi Sapienza insieme con il fisiokinesiterapista, Daniela Messina, e tutti gli operatori della struttura che, con diligenza, hanno saputo valorizzare e mettere in risalto le parti più significative dell’opera.

Ad introdurre lo spettacolo, presentato dalla giornalista Simona Pulvirenti, la lettera che Albert Einstein scrisse alla figlia Lieserl, un messaggio d’amore universale che l’avvocato Labisi ha voluto trasmettere al pubblico presente in sala.

Protagonista indiscusso della scena, uno straordinario Mario Virzì, credibile e commovente Francesco, intenso nel rapporto conflittuale con il padre, ma anche divertente e sorprendente nella sua quotidianità, immerso nella natura e tra la gente.

Nel cast attori disabili (Marcella Accaputo, Roberto Airò, Antonio Anastasi, Giuseppe Carletti, Antonio D’Anna, Domenica D’Anna, Andrea Gristina, Sebastiana Gristina, Leonarda Corsini, Benedetta Mirabella, Angela Valeria Nicolosi, Maurizio Nicosia, Mario Palvarini, Antonio Giardina, Giuseppa Romeo, Grazia Scevoli, Maria Granata, Annarita Segretario, Gianluca Scuderi, Giovanna Vinci e Mario Virzì), coadiuvati dagli operatori della RSA (Solarino, Giustolisi, D’Arrigo, Messina, Valenti, Currò con la figlia, Caronda, Signorino, Ponzo, Castrogiovanni, Delia, Musmeci, Testa, Cardì, Biondi, Di Stefano, Sapienza, Agozzino e Giordano), tutti perfettamente integrati nella narrazione, in uno spettacolo corale, non solo recitato.

L’avvocato Labisi è salito sul palcoscenico per i ringraziamenti finali, dichiarando: “Sono certo che San Francesco stasera è stato qui tra noi”.

Poi ha voluto accanto a sé tutto il personale della struttura, la moglie, le figlie e la nipote membri del CDA, e il dottor Maurizio Gibilaro, coordinatore provinciale di Telethon, che ancora una volta ha sposato il progetto di una solidarietà nella solidarietà, portando le Uova di Pasqua di Telethon, messe in vendita dai volontari della Protezione civile “Le Aquile”, per la ricerca sulle malattie genetiche rare.

 

Rossana Nicolosi