Denuncia
 

Agrigento: "Discariche in città… Amministrazione incapace"

22 mar 2016 - 17:39

AGRIGENTO – “Discariche in città… Amministrazione incapace“. È così che il consigliere del M5S Marcello La Scala lancia la sua protesta contro una situazione di degrado ambientale e sanitario della città e delle aree periferiche.

A fine agosto del 2015 – spiega La Scala – avevo presentato una mozione, per l’istituzione della figura di ‘Ispettore Ambientale Volontario Comunale’. Si tratta di una figura, lo dissi allora e lo ribadisco oggi, necessaria in considerazione delle pessime condizioni in cui molto spesso si trova l’ambiente cittadino“.

Il consigliere ha tenuto inoltre a precisare le funzioni determinanti svolte dall’Ispettore Ambientale Volontario Comunale che, laddove già esiste, collabora nel servizio di vigilanza sull’osservanza delle leggi e dei regolamenti generali e locali di prevenzione e repressione dei reati ecologico-ambientali e degli illeciti amministrativi, in materia di protezione degli animali, dell’ambiente, delle acque, del patrimonio zootecnico, il trattamento dei rifiuti e degli animali in genere nonché l’osservanza del regolamento comunale di polizia urbana, il corretto conferimento dei rifiuti da parte dei cittadini, il rispetto della cosa pubblica, il controllo del territorio, la sicurezza urbana e il disagio sociale.

In alcuni punti delle periferie agrigentine – continua La Scala – si creano in pochi giorni delle vere e proprie discariche a cielo aperto. La soluzione non è ripulire ogni qual volta si perde il controllo, serve invece del personale ispettivo che controlli h24 il territorio. Occorre inoltre una video sorveglianza, altrimenti i cittadini che risiedono nelle periferie e nello specifico nelle vicinanze di queste discariche, stanno sempre in mezzo alla spazzatura con la presenza di ratti e, tra qualche mese, anche di “micidiali” zanzare“.

La Scala ritiene che, tenuto conto della notevole carenza di personale che non permette spesso il raggiungimento di molti obiettivi minimi in materia ambientale, l’unica soluzione possibile per risolvere questo gravoso problema sia l’istituzione della figura di ispettore ambientale volontario comunale di cui l’amministrazione comunale debba farsi promotrice. 

Daniela Torrisi