Mostra
 

Aci Sant'Antonio, successo a Palazzo Cantarella per Terracolta in Sicilia

20 ago 2016 - 18:28

ACI SANT’ANTONIO - Grande apprezzamento del pubblico per il debutto di Terracolta in Sicilia, la manifestazione dedicata al mondo della ceramica che si sta svolgendo in questi giorni a Palazzo Cantarella, ad Aci Sant’Antonio, in occasione della grande festa d’estate dedicata a Sant’Antonio Abate, patrono della cittadina, nonché dei ceramisti.

I primi due giorni hanno visto, accanto all’apertura della mostra-mercato dedicata alle migliori produzioni di ceramiche siciliane e all’esposizione Prime di Copertina, anche lo svolgimento dei convegni dedicati allo stato attuale della ceramica. Un percorso che ha attraversato la storia della materia, focalizzandosi sul presente e, soprattutto, sulle prospettive future del settore.

Giovedì, ampio spazio ha avuto il racconto della tradizione di Burgio, comune agrigentino che ha legato la propria identità alla ceramica, e che oggi vanta un museo di assoluto spessore. È stata poi la volta del maestro Barbaro Messina, colui che quasi 50 anni fa è riuscito a far incontrare la ceramica con la lavorazione della pietra lavica. All’artista paternese, che a Nicolosi ha aperto una scuola di ceramizzazione gratuita con il sostegno dell’amministrazione comunale, è stato destinato uno spazio ad hoc per una personale che ha affascinato quanti hanno varcato la soglia di Palazzo Cantarella.

La giornata di ieri ha visto invece gli interventi di Angelo Minisci, designer e docente alla Laba di Firenze, che ha parlato delle nuove tecnologie applicate alla ceramica, a partire dalle stampanti 3D, di Gaetano Santagati, ricercatore presso l’Archivio ceramografico dell’Università di Catania, del sindaco di Nicolosi Antonio Borzì, dell’architetto e designer Andrea Branciforti, e del presidente dell’Associazione Delfare Sebastiano Messina.

 Terracolta in Sicilia andrà avanti fino a domani con le mostre e le esposizioni, realizzate nel cortile interno di Palazzo Cantarella.

Organizzata dall’Ente Culturale Operae Milò, in collaborazione con il locale Comitato dei festeggiamenti e con il patrocinio del Comune di Aci Sant’Antonio, Terracolta in Sicilia gode del sostegno delle riviste specialistiche La Ceramica Moderna & Antica e D’A e della partnership con l’AiCC-Associazione Italiana Città della Ceramica, che riunisce le 35 città italiane che hanno legato la propria storia alla lavorazione della ceramica.

 

Omar Qasem