Letteratura

Zafferana orgogliosa del “Brancati 2015″

brancati
23 set 2015 - 11:18

Zafferana- Il paese si anima in attesa della 46^ edizione del prestigioso Premio di letteratura “Vitaliano Brancati. Il 26 settembre 2015 alle ore 19,30, l’Experia Palace Hotel avrà l’onore di ospitare l’evento nato in memoria del celebre scrittore di Pachino, che era solito trascorrere alcuni mesi nella tranquilla Zafferana, in cui ha anche ambientato uno dei suoi libri: “Paolo il caldo”.

Già noti i nomi dei vincitori del “Brancati 2015” nelle varie categorie, tra cui Nadia Terranova per la sezione narrativa, Domenico Quirico per la saggistica, Roberto Deidier per la poesia e Giulia Gubellini per “giovani esordienti”.

A presiedere la giuria, composta dai più illustri esponenti del mondo culturale italiano, sarà il sindaco di Zafferana Etnea, Alfio Vincenzo Russo , accompagnato dall’assessore comunale alla Cultura, Angela Di Bella.

L’obiettivo della giuria è quello di ampliare sempre più i confini del premio, per favorire l’ulteriore divulgazione extraterritoriale dell’evento, coinvolgendo di fatto l’intero mondo culturale nazionale.

Ricordiamo tra i più illustri vincitori degli anni passati Elsa Morante, Giuseppe Bonaviri, Ercole Patti, Sebastiano Addamo e Aleksandr Solzenicyn.

Il premio, nato nel 1967 per iniziativa di alcuni illustri scrittori, artisti e giornalisti (tra cui Pierpaolo Pasolini, Dacia Maraini, Leonardo Sciascia, Alberto Moravia), ha acquistato negli ultimi anni la fama internazionale che merita e che la rende degna del nome che porta. Il sindaco dichiara in proposito: “Le recenti modifiche apportate al regolamento ne esaltano ulteriormente le specifiche peculiarità e l’importanza. Zafferana Etnea è ormai uno dei poli d’attrazione culturale per eccellenza, come ci viene riconosciuto da più parti”

Il primo cittadino prevede, quindi, un grande successo per l’edizione di quest’anno, che sicuramente avrà per Zafferana una risonanza del tutto positiva e darà nuova vitalità al paese.

 

 

Commenti

commenti

Clelia Mulà



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un Commento