Lettura

Vittoria, Vito Bruschini presenta “I Cospiratori del Priorato”

ok
12 feb 2016 - 12:52

VITTORIA - Lo scorso mercoledì al Chiostro delle Grazie Vito Bruschini - giornalista professionista responsabile dell’agenzia di stampa per gli italiani nel mondo Globalpress Italia – ha presentato la sua ultima fatica letteraria “I Cospiratori del Priorato”.

L’evento, organizzato dall’Associazione Il Filo di Seta, ha permesso ai lettori di conoscere l’autore che con le precedenti opere ha riscosso un notevole successo di critica e di pubblico, con traduzioni in ben nove lingue dei romanzi.

A tenere le fila dell’incontro la presidente dell’associazione Rosa Perupato e la moderatrice la giornalista pubblicista Concita Occhipinti cpn la lettura dei brani a cura di Marisa De Pasquale Trombatore.

“I Cospiratori del Priorato” è un thriller con una grande suspence e frammenti emotivamente impetuosi e coinvolgenti. Da cornice i landscapes mozzafiato, assieme alla suggestione delle location di città misteriose come Londra, ad esempio.

Il romanzo narra la fitta trama tessuta da una congregazione segreta, Il Priorato, formata da ex gesuiti una cospirazione dedita a condizionare menti controllandone pedissequamente le vite. Un controllo spietato segnato dall’approfondimento dei Protocolli degli anziani savi di Sion, documenti fondamentali per dominare il mondo. Oggi i discendenti del Priorato sono i manager delle principali multinazionali. La trama si infittisce all’inizio del romanzo a seguito della macabra scoperta di un cadavere durante la rappresentazione dell’Aida al Covent Garden di Londra. Una storia densa di colpi di scena grazie al fascino dei personaggi coraggiosi che tenterann

o di sventare un complotto in grado di assoggettare il destino dell’umanità nelle mani di pochi uomini potenti.

Come spiega Vito Bruschini è “la storia di cospiratori legati a un unico obiettivo: quello di mettere le mani sull’economia mondiale. Seguono le direttive di una serie di protocolli che sarebbero i Protocolli deglianziani savi di Sion, un manuale di 24 capitoli realmente scritto nei primi del novecento ma dove stanno le indicazioni di come impossessarsi del mando e imporre il loro dominio sugli ebrei cercando di demonizzarli. Il Prioratodel romanzo ha preso come riferimento questo manuale. Personalità di un certo spessore culturale i cospiratori, ex gesuiti, seguiti dalla regola dell’obbedienza e della segretezza nelle loro confidenze e vicende tentano di controllare l’intera umanità”.

Andrea Sessa



© RIPRODUZIONE RISERVATA