Evento

Spadafora: il Castello saluta il “giallo” di “Contemporary Art in Sicily”

A3 GIALLO NOIR 2.indd
31 ott 2015 - 17:26

SPADAFORA - Valorizzare e promuovere il ruolo culturale e aggregativo di due luoghi simbolici per la Sicilia come il Castello di Spadafora e il museo dell’argilla. È stato questo lo scopo principale della rassegna “Contemporary art in Sicily”, quest’anno giunta alla sua quinta edizione, che sta per volgere al termine. 

Parliamo di un festival che dal 25 ottobre “ha tinto di giallo” il castello di Spadafora all’interno del quale si è svolto, i cui eventi sono convenzionati con la Soprintendenza ai Beni Culturali di Messina.

In sostanza all’interno della rassegna si è svolto il “Festival del giallo e del Noir di Sicilia” che ha dato ampio spazio alla letteratura contemporanea.

“Un’esplorazione dei diversi linguaggi e dei diversi codici dell’arte contemporanea siciliana”, ecco come il festival viene definito dai suoi più grandi sostenitori: il sindaco di Spadafora Giuseppe Pappalardo e il consigliere e supervisore Antonio D’amico.

È prevista, quindi, per domani una giornata che sarà interamente dedicata all’editoria dei generi letterari trattati nel corso della kermesse.

Stili diversi: polizieschi, thriller, gialli psicologici e storici. Dalle 10,30 alle 19,00 si terrà la fiera del libro con la collaborazione di Angelica Furnari della libreria Mondadori di Milazzo.

Durante quest’ultima settimana ampio spazio è stato dedicato ai laboratori creativi come quello di fumetto “Noir Comics” tenuto da Lelio Bonaccorso o anche a quello dedicato alla narrazione “Al di là della porta”, tenuto da Alberto Samonà.

La conclusione del festival “Giallo al Castello” è prevista per lunedì con la chiusura della mostra “Un anno in giallo e noir di Sicilia” il percorso attraverso i volti e le opere di dodici autori siciliani di gialli che hanno contribuito all’affermazione del genere in Italia a alla vera creazione di una scuola del noir siciliano.

Commenti

commenti

Vittoria Marletta



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un Commento