Evento

Si conclude a Catania il festival Terre di Cinema

terra di Cinema
20 giu 2016 - 19:49

CATANIA – Dopo 20 giorni di maratona dedicata all’immagine cinematografica, si è conclusa l’edizione 2016 di Terre di Cinema - International Cinematographers Days.

È stata una vera maratona dedicata all’immagine – commenta Vincenzo Condorelli, direttore della fotografia -. Mi piace dire che siamo amatori del festival e professionisti del cinema e questo forse permette di dare al pubblico una punto di vista diverso da quello che si ha solitamente in manifestazioni cinematografiche. Dopo cinque anni ci siamo spostati da Taormina al territorio dell’Etna, scoprendo che il vulcano è casa e può diventare sempre di più la location perfetta non solo per gli addetti ai lavori, ma anche per chi ama il cinema e apprezza tutto il lavoro che c’è dietro ad una pellicola”.

Il festival, iniziato lo scorso cinque giugno a Villa di Bella a Viagrande si è concluso ieri sera all’Arena Argentina di Catania con la proiezione del film di David Grieco, La Macchinazione.

Prima della proiezione si è tenuto un incontro, moderato dalla giornalista catanese Maria Lombardo, dedicato al regista Pier Paolo Pasolini, al quale hanno preso parte lo stesso David Grieco, l’attrice Milena Vukotic, Rosario Castelli dell’Università di Catania, e il critico cinematografico Sebastiano Gesù. Presente anche la produttrice del film, Marina Marzotto.

Questa edizione del festival, che ha confermato il successo dello scorso anno, ha visto la partecipazione di diciassette studenti per il CineCampus provenienti da ogni parte del mondo e diciassette fotografi che hanno aderito al primo workshop di Letizia Battaglia, la fotoreporter palermitana che ha scelto Catania per questa sua prima esperienza da insegnante. Sono state 72 le ore di set cinematografici necessarie per produrre sei corti che vedranno la luce entro qualche settimana.

A breve pertanto, sarà possibile vedere come questi giovani registi e direttori della fotografia hanno interpretato e narrato il territorio siciliano, attraversando diverse location, tra cui la tenuta San Michele delle Cantine Murgo, l’Agriturismo Blandano, oltre naturalmente a Villa Di Bella.

Ma questa edizione del Festival sarà ricordata anche per gli ospiti di caratura internazionale che vi hanno preso parte, ospiti da Oscar come i direttori della fotografia Christian Berger, Mátyás Erdély e il direttore della London Film School Alan Bernstein, che hanno tenuto le loro masterclass per gli studenti del CineCampus.

Daniela Torrisi



© RIPRODUZIONE RISERVATA