Turismo

Progetto “Mythos”, crescono le potenzialità del territorio

mythos valle iblei (2)
14 nov 2015 - 17:46

PALAZZOLO ACREIDE – Il nostro territorio è sempre stato straordinario e attraverso il progetto “Mythos” l’Unione dei Comuni Valle degli Iblei, insieme all’offerta turistica del polo della “Sicilia Greca“, lo valorizzerà maggiormente per rendere la visita dei siti e dei resti archeologici ancor più indimenticabile.

Ieri si è svolto a Palazzolo Acreide un incontro tra i sindaci dei comuni Iblei e gli addetti ai lavori per presentare il progetto “Mythos”, finanziato dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo

“Mythos” coinvolge i numerosi comuni in provincia di Siracusa e Ragusa, luoghi principali dell’antica e imponente Magna Grecia.

Il progetto è nato dalle nuove azioni di promozione turistica del polo “Sicilia Greca” per valorizzare il territorio, alla riscoperta del passato glorioso che sarà narrato dagli importanti siti e resti archeologici.

Ieri a dare inizio ai lavori è stato il presidente dell’Unione Comuni Iblei insieme al sindaco di Buccheri, Alessandro Caiazzo, mentre a dare il benvenuto a tutti i presenti all’incontro è stato il padrone di casa, Carlo Scibetta, sindaco di Palazzolo Acreide.

Ezio Palazzolo, presidente del Centro Studi Iblei, ha illustrato dettagliatamente il progetto e le modalità di attuazione. Un sistema innovativo che punta sull’interazione offrendo all’utente web una semplice piattaforma dove potrà acquistare i vari pacchetti promossi.

Strumento principale, infatti, sarà il portale www.mythosturismo.it, che da novembre incrocerà prenotazioni alberghiere, escursioni ed eventi. Una favolosa esperienza che coinvolgerà i turisti con suggestivi siti archeologici, eventi enogastronomici e paesaggi mozzafiato.

Disponibile anche l’app ufficiale scaricabile per utenti iOS e Android.

Gli appuntamenti informativi sul progetto “Mythos” proseguiranno la prossima settimana: mercoledì 18 novembre incontro a Rosolini mentre il 23 novembre sarà la volta di Siracusa.

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA