Mostra

Patologie gravi e croniche: un passo in avanti con WonderLAD, oggi la presentazione

facciata est finestre colorate
9 set 2017 - 11:01

CATANIA - Sabato 9 settembre, alle ore 16, a WonderLAD, la struttura destinata ad accogliere i bambini affetti da patologie gravi, si svolge il workshop Low Cost Design, dedicato ai bambini dai 6 ai 14 anni, e promosso da Dusty che mette a disposizione dei partecipanti i materiali necessari.

Il workshop è tenuto da Daniele Pario Perra, artista relazionale, ricercatore e designer impegnato in attività espositive, progetti di ricerca e insegnamento. L’obiettivo del workshop è quello di promuovere il concetto di economia circolare, cioè la necessità di cominciare a produrre beni di lunga durata, riciclabili e riutilizzabili per altre funzioni.

L’evento fa parte di Wondertime Catania, la prima mostra diffusa d’arte contemporanea in Sicilia – ideata da Rossella Pezzino De Geronimo e realizzata con la collaborazione dell’Associazione culturale Dietro le quinte – con cui dal 9 settembre al 9 ottobre 2017 Catania diventa straordinario scenario di arte e cultura per valorizzare le arti visive e sceniche e per promuovere il riciclo, il riutilizzo e il rispetto ambientale.

Da ieri fino al prossimo 9 ottobre, Lad Onlus, inoltre, potrà contare sul contributo dei fondi raccolti attraverso un numero solidale. Grazie al 45512 sarà possibile effettuare una donazione per realizzare WonderLad, la casa per bambini affetti da gravi malattie che sorgerà in Sicilia, a Catania, su un terreno concesso dall’amministrazione comunale.

salone

Wonderlad sarà un luogo in cui bambini con patologie gravi o croniche e le loro famiglie potranno trascorrere momenti di serenità durante la malattia in un ambiente sano e confortevole supportati da psicologi e professionisti del settore. WonderLad è uno dei progetti più importanti del terzo settore in Italia.

Ancora pochi passi per consegnare alla città WonderLad, la casa che accoglierà i bambini affetti da gravi malattie insieme alle loro famiglie.

Commenti

commenti

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA