Evento

A Palermo il festival di primavera

_BLG8176
17 mar 2016 - 20:30

PALERMO - Per festeggiare l’imminente arrivo della primavera, domenica 20 marzo, a Palazzo Varvaro-Pantelleria in via Giovanni Meli 5 a Palermo, i circoli Arci Al-qantar e Sakalash organizzano il “Festival di Primavera”: un evento, all’interno del quale si svolgerà il primo “Pagan Pride Sicilia”, pensato per celebrare la “rinascita della natura“, così come avveniva comunemente un tempo, quando vivendo nelle campagne, i cicli delle stagioni erano percepibili e facevano parte integrante delle pratiche quotidiane oltre che dettare modalità e soprattutto simbologie nelle varie feste dell’anno.

Scandite da musica dal vivo e danze dal mondo, le attività del festival avranno inizio alle 16.00 nell’atrio di Palazzo Varvaro-Pantelleria, dove, come dichiara Claudia Varrica – una delle organizzatrici dell’evento “in pieno centro storico, potremo festeggiare l’Equinozio di Primavera ai piedi di un magnifico albero monumentale, un ‘Ficus magnolioides’ (piantumato da Francesco Varvaro Pojeronel 1896) a simboleggiare appunto la natura che si fa strada, nonostante tutto, tra i palazzi e il cemento. Nel pomeriggio sarà possibile anche assistere a spettacoli di bolle e giocoleria, girare per la fiera di artigianato e alimenti locali da coltivazioni biologiche ed ecosostenibili, dare un occhiata e farsi tentare al banchetto del Body Painting, informarsi e approfondire la conoscenza di varie associazioni ambientaliste. È previsto anche un laboratorio che permetterà ai bambini di esprimere la loro idea di primavera con dei piccoli manufatti in argilla. Il programma del festival continuerà anche in serata quando, alle 21.00, il gruppo musicale siciliano ‘LassatilAbballari’ ci porterà a passo di danza dai Balcani alla Galizia, dal Meridione d’Italia all’Irlanda, passando attraverso Francia e Paesi Bassi”.

_BLG5524

L’associazione Arci Al-qantar nasce nel 2014 con finalità di scambio, condivisione, diffusione e promozione di arti, artigianato e cultura. Tra gli obiettivi dell’associazione, quello di creare uno spazio in cui recuperare conoscenze, tradizioni, pratiche, valori, legami che sono andati persi nella “cultura cittadina” e che possono rappresentare occasione di integrazione, socializzazione e sviluppo di una coscienza ambientale e una cittadinanza sostenibile. Il circolo opera all’interno della sede di Via G. Meli 5 con laboratori creativi per bambini, corsi di ceramica per adulti e bambini, laboratori di consapevolezza corporea al femminile, chitarra, danza orientale in gravidanza, danza mediorientale, maglia, incontri gratuiti di consulenza per l’allattamento materno.

Un profondo senso di amore e rispetto per la Natura – continua Claudia Varrica – e una simile passione per le tradizioni popolari, accomunano l’associazione Al-qantar e il Sakalash, un’associazione pagana che, dopo anni di esperienza diretta nel paganesimo e nel mondo esoterico, decide nel 2013 di aprire il proprio circolo per unire la realtà pagana siciliana e il recupero delle tradizioni popolari, attraverso incontri, seminari, corsi, workshop, il tutto in un ambiente confortevole, dove potersi rilassare gustando tisane, dolcetti e aperitivi vegetariani/vegani”.

_BLG5523

La partecipazione all’evento richiede di essere soci tesserati di Arci, Arci Ragazzi, Arci Gay, Legambiente o Uisp ma è possibile tesserarsi anche sul posto al costo di 5 euro. L’ingresso per i bambini (accompagnati da un adulto) è gratuito e gli organizzatori consigliano “un abbigliamento colorato o coloratissimo”.

Davide Bologna

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA