Comprensione

A Marsala Mediterraneo unito nel nome del Rotary

14 ott 2014 - 10:43

MARSALA – Un’escursione emozionante attorno alla Nave Punica, nel parco archeologico sul lungo mare di Marsala, ha aperto la terza e ultima giornata del Forum Rotary “Mediterraneo Unito”. Per l’occasione, i rotariani hanno assistito alla liberazione di una tartaruga marina, restituita al fascino dell’ambiente marino.

Un momento toccante a cui ha fatto seguito la santa messa celebrata presso la Chiesa madre in via XI maggio e il concerto per organo del Maestro Diego Cannizzaro del Rotary Club di Cefalù.

La condivisione della spiritualità, nel segno dei più alti valori del Rotary ispirati al rispetto, alla comprensione e alla pace fra le nazioni, ha fatto da guida all’Invocazione rotariana tenutasi a Mazara del Vallo. Un’occasione unica che ha visto andare di pari passo le celebrazioni della chiesa S. Francesco e della Moschea Ettakwa in cui è stata recitata l’invocazione rotariana e la preghiera dei popoli, con i rappresentanti delle religioni Cattolica, Ebraica, Bektashi e Musulmana uniti per la pace dei popoli.

L’evento ha segnato anche la conclusione del Blue Sea Land, Expo dei Distretti Agroalimentari del Mediterraneo, dell’Africa e del Medioriente che si è svolto dal 9 al 12 ottobre tra Palermo, Gibellina e Mazara con l’obiettivo di consolidare le relazioni di cooperazione tra i Paesi partecipanti e promuovere l’integrazione economica, sociale, istituzionale tra le comunità.

«Blue Sea Land non vuole semplicemente essere una vetrina di prodotti ma una tappa del percorso culturale, di crescita e di cambiamento che valorizza l’interazione tra i popoli nel rispetto del Pianeta e pone l’attenzione sull’internazionalizzazione delle imprese, sulla creazione di partenariati economico-istituzionali al fine di promuovere i prodotti. Finalità che Rotary ha perseguito e sottolineato con il Forum che oggi si conclude, focalizzando il nostro operato futuro sull’immenso mare di bisogni e di problematiche che attanagliano la regione mediterranea» - ha commentato il governatore del distretto 2110, Giovanni Vaccaro.

Giovanni Vaccaro

Giovanni Vaccaro

All’invocazione assembleare hanno partecipato: il vescovo di Mazara, Domenico Mogavero, l’imam Muhammad Hassan Abdulghaffar, il capo della comunità Bektashi, Baba Mondi, il rabbino capo della comunità ebraica siciliana Stefano Di Mauro-Itzaak, e i rappresentanti delle istituzioni: il prefetto di Trapani Leopoldo Falco, il presidente dell’Anci Sicilia, Leoluca Orlando, il presidente del parlamento di Albania, Llir Meta, i rettori delle quattro università siciliane Roberto Lagalla, Giacomo Pignataro, Pietro Navarra, Gianni Puglisi.

«Ringraziamo – ha concluso Vaccaro – quanti sono intervenuti in questa tre giorni di conoscenza e solidarietà e quanti hanno collaborato affinché si potesse realizzare un dialogo serio e propositivo su tematiche così delicate. Nella speranza che questo percorso di condivisione continui, ogni giorno più forte, in modo che tutti, davvero, possiamo gioire nel nome di un Mediterraneo Unito»

Commenti

commenti

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli Correlati

Lascia un Commento