Evento

“Libero cinema in libera terra”: il festival contro le mafie

"Libero cinema in libera terra": il festival del cinema contro le mafie
"Libero cinema in libera terra": il festival del cinema contro le mafie
13 lug 2016 - 19:36

BRONTE - “Libero cinema in libera terra”, il festival di cinema itinerante contro le mafie, che ogni estate promuove la cultura della legalità oltrepassando i confini della penisola, approda domani, per la prima volta, a Bronte.

Libero cinema in Libera terra, che ha come partner Coop Alleanza 3.0, percorre ogni anno circa 10 mila chilometri attraversando in media 20 località per portare il suo messaggio di lotta e resistenza attiva alle mafie, nelle strade e nelle piazze, nei parchi, nelle periferie, nelle terre e nei beni confiscati. Per ogni tappa viene scelto un titolo che possa servire da sprone per accendere dibattiti e accrescere l’interesse per la cultura della legalità.

Palermo, Trapani ed Enna, sono state queste, fino ad oggi, le tappe del lungo viaggio della carovana nata nel 2006 dalla collaborazione tra Libera, l’associazione fondata da don Luigi Ciotti, e la fondazione Cinemovel.

Ma domani arriverà alle pendici dell’Etna con un evento gratuito organizzato da Coop Sicilia che si svolgerà, a partire dalle 21, in piazza Enrico Cimbali.

Bronte – ha dichiarato il sindaco della cittadina etnea, Graziano Calannaè orgogliosa di ospitare il festival Libero cinema in libera terra. Questa cittadina del resto ne condivide in pieno lo spirito visto che, attraverso marce ed eventi di ogni genere, ha sempre rigettato ogni forma di illegalità o criminalità, senza dimenticare che il nostro concittadino Nicola Spedalieri, già nel 1791, nella sua opera principe ‘De’ diritti dell’Uomo’, parlò dei diritti naturali dell’uomo e proclamava la sacralità di principi quali eguaglianza e libertà. Il cinema è cultura e la cultura è importantissima per sconfiggere la mafia e far primeggiare la legalità“.

Il programma prevede la proiezione del film “Era d’estate” di Fiorella Infascelli, che racconta del soggiorno dei giudici Falcone e Borsellino, sull’isola dell’Asinara, in Sardegna, nell’estate del 1985, reclusi per scrivere l’istruttoria del maxiprocesso a Cosa Nostra.

La serata introdotta dalla giornalista e critico cinematografico Ornella Sgroi vedrà la partecipazione del presidente della Fondazione Cinemovel Elisabetta Antognoni, del sindaco di Bronte Graziano Calanna e del responsabile delle politiche sociali di Coop Sicilia Giovanni Pagano.

Dal film “Era d’estate” di Fiorella Infascelli

Dal film “Era d’estate” di Fiorella Infascelli

La proiezione del film sarà preceduta da uno spettacolo dal vivo, Mafia Liquida, che si avvale di diversi linguaggi d’arte e di diversi strumenti appartenenti al mondo del cinema, del fumetto e di materiali multimediali, che enfatizzano la centralità delle immagini in movimento.

Mafia Liquida prosegue il percorso di arte partecipata ideato da Cinemovel per raccontare storie di sopraffazione mafiosa utilizzando un codice dal forte impatto emotivo e visivo che sia in grado di coinvolgere anche le nuove generazioni.

Daniela Torrisi



© RIPRODUZIONE RISERVATA