Architettura

I ART. a confronto undici siciliani “Internazionali”

i 3
23 giu 2015 - 15:44

CATANIA - Siciliani, under 40 e con importanti esperienze di lavoro all’estero, in Europa, Asia e in America del Sud. Sono stati selezionati così gli undici architetti che domani, mercoledì 24 giugno, al Centro Zo (dalle ore 15.30) saranno i protagonisti di “11×11”, seminario, in forma di talk-show organizzato da Spazi Contemporanei nell’ambito del Festival I ART e dedicato all’architettura contemporanea. Di scena saranno loro, gli undici professionisti con prestigiose e autorevoli partnership con studi professionali di Londra, Parigi, Mosca, Barcellona, Friburgo, Lisbona, Brasile, Iran e Cina.

i 2

A Catania racconteranno la loro esperienza di lavoro all’estero per condividere idee, metodi e differenti contesti operativi con la platea di colleghi – e non – coinvolti nella manifestazione del cartellone I ART. Gli undici intervistati sono: Alessandro Cintolo, Giuseppe Bandieramonte, Massimo D’Aiello, Samuel Drago, Pietro Giuffrida, Claudio Inserra, Edmondo Occhipinti, Alice Palazzo, Giuliana Scollo e professionisti degli studi Patanè/Coppolino e Ternullomelo.

La manifestazione, che coincide con la Festa dell’Architetto – istituita dalla Consulta Nazionale degli Architetti il 24 giugno – è organizzata per I ART in collaborazione con l’Ordine e la Fondazione degli Architetti di Catania (Oappc_Ct e Foappc_Ct).

Dopo i saluti di Paola Pennisi (presidente della Fondazione Oappc di Catania), di Eleonora Butera (presidente dell’associazione Spazi Contemporanei), di Alessandro Amaro (vicepresidente Oappc Catania) e dell’assessore alla Cultura e Turismo del Comune di Catania, Orazio Licandro, si darà il via all’intervista “multipla” agli undici architetti siciliani. Gli interventi saranno introdotti da Giovanni D’Amico (Spazi Contemporanei) e moderati da Luigi Prestinenza Puglisi, saggista, critico e storico dell’architettura.

i 1

Le conclusioni sono affidate all’architetto Fabrizio Russo, autore del format dell’evento di Catania, che spiega: “L’intervista multipla a questi nostri giovani colleghi è il pretesto per raccontare a un pubblico più grande il modo di ‘fare architettura’ in contesti diversi e sul ruolo che l’Italia ha avuto, e certamente potrà ancora avere, in questa disciplina in ambito internazionale. Risulta importante, infatti, restituire nuovamente un ruolo centrale all’Architettura per consegnare alle prossime generazioni un paesaggio migliore”.

La partecipazione al seminario 11×11 fornirà quattro crediti formativi agli iscritti all’Albo. Il seminario 11×11 fa parte del Festival I ART, il grande contenitore di eventi multidisciplinari incluso nell’omonimo progetto comunitario, ideato e diretto da I World e con il Comune di Catania ente capofila.

Commenti

commenti

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un Commento