Evento

Domenica ad Agira la “Giornata Europea della Cultura Ebraica”

nella foto il sindaco Greco con Attilio Funaro presidente dell’Istituto Internazionale di Cultura Ebraica e l'avv. Triolo presidente de “La Charta de la Judeche”
nella foto il sindaco Greco con Attilio Funaro presidente dell’Istituto Internazionale di Cultura Ebraica e l'avv. Triolo presidente de “La Charta de la Judeche”
2 set 2015 - 16:59

AGIRA - Si svolgerà ad Agira domenica 6 settembre la Giornata Europea della Cultura Ebraica, il tradizionale appuntamento coordinato e promosso in Italia dall’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane, che invita a scoprire il patrimonio culturale ebraico, proponendo centinaia di eventi tra spettacoli, mostre, concerti, degustazioni kasher, incontri culturali e percorsi alla scoperta delle sinagoghe italiane, dei quartieri e dei musei ebraici. La manifestazione, giunta alla sedicesima edizione, nasce quale proposta di condivisione e di amicizia tra culture: intenti ben espressi dal tema dell’edizione 2015, “Ponti & AttraversaMenti”, minimo comune denominatore degli appuntamenti organizzati nei trentadue Paesi europei e nelle settantadue località che aderiscono quest’anno in Italia. La scelta di Agira è dovuta alla presenza nella cittadina ennese dei resti dell’ antica sinagoga e dell’Aron.

La giornata prevede diverse manifestazioni tra le quali la visita dei resti della sinagoga e dell’Aron nella chiesa del S.S Salvatore, previsto anche un concerto musicale a cura dell’orchestra da camera della “Eco” di Enna e l’accoglienza degli ospiti nell’aula consiliare. Nel pomeriggio alle ore 18,00 nella chiesa del SS. Salvatore è prevista una tavola rotonda sul tema: “Ponti tra passato e presente, la rinascita della sinagoga di Agira e del suo Aron”. Nella chiesa si colloca l’antico e pregevole Aròn, l’armadio che nella tradizione ebraica contiene i sacri rotoli della Torah, costruito in pietra e risalente all’epoca aragonese (lo vediamo nella foto).

Aron

All’incontro parteciperanno il sindaco di Agira Maria Greco, l’assessore ai beni culturali Nicola Cavallaro, l’avv. Baruch Triolo presidente de “La Charta de la Judeche” e Attilio Funaro presidente dell’Istituto Internazionale di Cultura Ebraica entrambi promotori dell’ evento, Nicolò Bucaria esperto di cultura ebraica in Sicilia, Massimo Melle autore del libro “Il Talmud di Scicli”, l’architetto Alfio Musumeci redattore del progetto per il restauro dell’ Aron e della ricostruzione della sinagoga, e il prof. Giovanni Senfet della pro-loco di Agira.

Ho dato subito la disponibilitàha detto il sindaco Grecoa realizzare la giornata ad Agira convinta della centralità culturale che riveste il nostro paese, occorre promuovere tutte le iniziative volte a valorizzare in patrimonio culturale, architettonico e artistico, l’evento in programma sarà l’ occasione per scoprire i valori della cultura ebraica, una presenza orgogliosa della propria identità culturale, verrà inoltre – ha proseguito il sindaco Greco – reso noto e presentato pubblicamente il progetto di restauro dell’Aron e di ricostruzione dell’antica sinagoga, un’occasione di rilancio culturale e turistico di Agira”.

In Sicilia le comunità coinvolte sono Palermo, Ragusa, Siracusa ed Agira. “La culturaha detto Renzo Gattegna presidente dell’Unione Comunità Ebraiche Italiane - è lo strumento principale, forse l’unico che abbiamo, per difendere valori, per raccontare ciò in cui crediamo e per ragionare insieme sulle problematiche di questi tempi complessi. La Giornata Europea della Cultura Ebraica è un presidio in difesa di questi valori e contenuti, un ponte tra la minoranza ebraica e la società di cui è parte attiva e integrante. Un grande momento di festa e di incontro, che l’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane è orgogliosa di proporre in Italia, e che ci auguriamo sarà vissuto e condiviso, come negli anni precedenti, da moltissime persone”.

Commenti

commenti

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un Commento