Progetto

A Catania la succursale del Museo Egizio di Torino con oltre 17 mila reperti

presa da: www.museoegizio.it
presa da: www.museoegizio.it
15 feb 2016 - 11:01

CATANIA - Sono circa 17 mila i reperti del Museo Egizio di Torino ancora da catalogare, decriptare ed esporre che non riescono a trovare una sistemazione nell’istituto piemontese. Da qui la proposta di spostare alcuni di essi a Catania aprendo una sorta di “succursale” nel convento dei Crociferi.

È questa l’ambiziosa iniziativa dell’amministrazione comunale etnea annunciata dopo un accordo siglato con la direzione del museo torinese, alle prese ormai da anni con il problema della mancanza di spazi appositi per l’esposizione dei preziosi reperti archeologici.

Il sindaco Enzo Bianco insieme all’assessore alla bellezza condivisa Orazio Licandro, ha proposto alla dottoressa Evelina Christillin e al dottor Christian Greco, rispettivamente presidente e direttore del Museo Egizio, la costruzione di un’area predisposta ad ospitare i numerosissimi reperti archeologici rimasti nascosti al pubblico a causa della mancanza di spazi.

“Affidabilità, efficienza ed un’ottima programmazione – afferma con entusiasmo su facebook l’assessore Licandro – sono capacità che ormai ci riconoscono. Sarà non solo un esperimento entusiasmante, ma pure una straordinaria ed avvincente scommessa che giocheremo in armonia con tutta la città!”.

 

CondividiTweet

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA