Arte

Sabato la Notte dei Musei a Catania

Monastero dei Benedettini
25 nov 2015 - 19:48

CATANIA – La “Notte dei Musei” è, ormai, diventato uno degli appuntamenti con la cultura più aspettato dai catanesi. Un’occasione per scoprire, conoscere, esplorare la città con occhi nuovi senza la fretta della vita quotidiana, dei mille impegni, guardando con “gli occhi in sù”, cercando il bello e il nuovo anche nei posti frequentati ogni giorno. 

L’appuntamento è per sabato 28 novembre e già si preannuncia un successo come la scorsa edizione. 

La notte dei musei significa anche scoprire e far conoscere i tanti tesori che la città etnea cela, gelosa, nei suoi bellissimi palazzi. Ed ecco quindi che dalle ore 19,00 fino all’1,00 si potranno visitare gratuitamente il Palazzo della Cultura (in Via Vittorio Emanuele 121),  l’Archivio Storico Comunale (via S. Agata,2) che conserva le testimonianze scritte di Catania, le Terme Achilleane (Piazza Duomo), le Terme della Rotonda (Piazza Mecca) e il Teatro Antico (Via Vittorio Emanuele). E ancora la Chiesa Monumentale S. Nicolò l’Arena in Piazza Dante, la Biblioteca – Mediateca V. Bellini (via S. Giuliano, 307) , Catania Living Lab in Via Manzoni, 91/d, la bellissima corte del Palazzo Centrale dell’Ateneo in Piazza Università

In un connubio speciale tra arte e musica:  

I Concerti dell’Istituto 2015” a cura dell’Istituto Musicale Vincenzo Bellini  nella sala conferenze “C. Marchese” Concerto Ensemble di Fagotti, alle ore 20,30.

Performance di Giardino Sonante:
• ore 21.30 : AMA no UZUME – Danza dello specchio, con Chiara Bentivegna (voce e danza NO) e Carlo Guarrera (drone guitar);
• ore 22.30 : In minore, con Anisia Brischetto (flauto traverso) e Luigi Luca (fisarmonica)
A seguire il duo chitarristico Giambattista Immè e Attilio Pavone.

Oltre che architettura e musica sarà possibile visitare le mostre: Migrant Volcano;  Catania si mette in mostra; Natura a Catania; Architettura in Svizzera.

Un programma fittissimo di eventi tutti in una sola notte per innamorarsi di Catania.

Commenti

commenti

Viviana Mannoia



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un Commento