Soprusi

Vittoria, marito violento picchia e minaccia la moglie. La denuncia ferma il calvario della donna

Duro colpo alla mafia dei Nebrodi, 23 persone in manette
Duro colpo alla mafia dei Nebrodi, 23 persone in manette
19 gen 2016 - 14:09

VITTORIA - Dopo mesi di soprusi e violenze tra le mura domestiche la moglie ha deciso di denunciare il marito quarantenne al culmine di un’ultima aggressione particolarmente pesante.

È successo a Vittoria dove l’uomo è stato denunciato per la violazione degli obblighi di assistenza familiare, maltrattamenti contro familiari e conviventi, lesioni aggravate, ingiurie, danneggiamento ed atti persecutori.

La goccia che ha fatto traboccare il vaso è stata l’ennesima lite furibonda durante la quale il marito ha provocato alla moglie un trauma al volto e lesioni agli arti.

In questura la donna ha raccontato come, dopo venti anni di matrimonio, sono iniziati ad emergere i primi problemi di incompatibilità caratteriale con il marito, acuiti dalla sua indole violenta.

Nonostante i tentativi della donna di recuperare il rapporto coniugale si era decisa a troncare la relazione ma l’uomo, all’idea di perdere la donna che “dominava”, ha perso la testa.

Ha iniziato a minacciare e vessare la donna con continue telefonate e ingiurie di ogni tipo. In più occasioni ha bloccato per strada la moglie minacciandola e facendo inoltre mancare alla famiglia di che vivere.

Nei primi giorni dell’anno la situazione è degenerata quando l’uomo, in preda ai fumi dell’alcol si è ripresentato a casa iniziando ad offendere e aggredire con schiaffi e calci la donna.

Accorso dalle grida della madre uno dei figli è intervenuto per allontanare il padre violento che per tutta risposta ha continuato a colpire la donna lanciandole un vaso contro e distruggendo i mobili della casa, fino a quando ha deciso di fuggire, lasciando alle sue spalle una scia di distruzione.

L’uomo è stato denunciato all’autorità giudiziaria che provvederà anche a decidere sulle eventuali misure cautelari nei confronti del marito violento.

Commenti

commenti

Andrea Sessa



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un Commento