Ambiente

Vittoria, maiali e immondizia: tetro spettacolo denunciato da FareVerde

porci
2 mar 2015 - 17:05

VITTORIA - Una foto che vale più di mille parole. L’hanno postata gli esponenti di Fare Verde su Facebook e ha fatto indignare centinaia di persone. Siamo nelle campagne del Vittoriese bellissime tra il verde e i muri a secco ma devastate dall’uomo.

Sono infatti molteplici le discariche abusive, anche con materiali pericolosi come l’eternit, disseminate sul territorio dove gli animali vanno a “nutrirsi”. In questo caso si tratta di tre maiali che mangiano rifiuti di ogni tipo, comodamente adagiati su un vasto tappeto di immondizia.

“Questa è una scena - scrive in una nota Fare Verde – che con consuetudine avviene nelle campagne del Vittoriese, ormai ridotte a discariche e non è raro imbattersi in maiali, pecore o vacche che pascolando brucano sacchetti di spazzatura domestica, plastiche, eternit ed altri materiali non naturali”.

“La discarica in questione - prosegue la nota – riguarda la strada Provinciale 30, cintura che dalla rotonda di serra San Bartolo conduce alla provinciale che collega Vittoria a Pedalino. Ci dispiace profondamente per gli animali che hanno a che fare con l’essere umano moderno, costretti a mangiare i suoi rifiuti ed a subire il suo progresso”.

L’associazione ambientalista denuncia “il degrado e la devastazione in molti terreni di proprietà e in svariati spazi lungo le provinciali che danno purtroppo l’immagine di un territorio senza speranza, ancor di più se certe zone sono state più volte segnalate e non si è fatto nulla determinando di fatto l’espandersi incontrollato di un fenomeno che ci riguarda tutti”.

“Non sarà questo il caso - conclude - ma tutti o ‘quasi’ mangiano carne, uova e bevono latte. Lo fareste se foste a conoscenza che proviene da animali allevati in queste condizioni?”.

Fare Verde Vittoria ha già segnalato ai vigili la presenza di questa pericolosa discarica abusiva e ha inviato un esposto/denuncia alla procura della Repubblica di Ragusa.

Commenti

commenti

Andrea Sessa



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli Correlati

Lascia un Commento