Società

Vittime del sovraindebitamento. Un’associazione per uscire dall’incubo

debito
25 set 2015 - 06:37

CATANIA – Il lavoro, il matrimonio, l’acquisto della casa, la macchina, un figlio: sono le tappe che realmente sanciscono l’età adulta e la nascita di un nuovo nucleo familiare. Per molti, invece, significa entrare in un vortice di debiti che risucchia in una spirale di disperazione fatta di rate da pagare senza i soldi necessari per poterlo fare.

L’indebitamento non colpevole, o sovraindebitamento, colpisce sempre più famiglie (ma anche aziende) che spesso per vergogna, per timore, vivono di stenti ma non sanno a chi chiedere aiuto. Per questa ragione è nata un’associazione “I Diritti del Debitore” che si prefigge l’obiettivo ambizioso di aiutare le famiglie e le piccole e medie aziende a trovare finalmente respiro. 

Abbiamo intervistato il presidente della sezione catanese, Salvatore Alessandro, e il commercialista che segue i singoli casi, Tino Lipara. Li abbiamo incontrati in occasione del convegno tenutosi domenica 20 settembre, in occasione della Festa dell’Unità di San Giovanni La Punta.

Tuccio Alessandro ci svela un mondo sommerso, fatto di nuovi debiti per pagare vecchi debiti, e uomini e donne stremati e travolti da rate che non riescono più a gestire.

Per sovraindebitamento intendiamo una situazione di definitiva incapacità del debitore di adempiere con regolarità alle proprie obbligazioni, perché basta poco per perdere ogni cosa, la perdita del lavoro, la cassa integrazione, una riorganizzazione dell’azienda e diventa impossibile pagare il mutuo o la rata della macchina.

Tino Lipara ci spiega come intervenire per far fronte alla situazione e poter ritornare a vivere.

“Il ricorso alla legge 3/2012 non serve ad aiutare i ‘furbetti’ che non vogliono pagare ma serve per tutelare gli onesti che non possono pagare. Una differenza sostanziale che dovrebbe far capire che le leggi non vengono redatte per punire i cittadini, come spesso invece si crede, ma per aiutare e collaborare alla vita civica del Paese” afferma Tuccio Alessandro. “Salvare le persone dall’incubo dei debiti significa anche combattere l’usura che proprio in questi momenti di disperazione bussa alle porte di chi non ha più nulla” prosegue il presidente.

Il primo step per uscire da quest’incubo – ricorda Lipara - è chiedere aiuto. La nostra associazione I diritti del Debitore si occuperà di tutto per consentire nuovamente di poter pagare i propri debiti senza sentirsi schiacciati da essi“.

Commenti

commenti

Viviana Mannoia



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un Commento