Stupefacenti

Viaggiavano ad alta velocità, fermati con cocaina e marijuana a bordo

polizia
28 mag 2017 - 12:48

ENNA - Ieri sera la polizia di Stato ha arrestato due donne e un uomo, tutti pregiudicati con precedenti per reati di droga, contro il patrimonio e contro la persona, in quanto in possesso di sostanza stupefacente per spaccio, in particolar modo di un chilogrammo di marijuana e di 2,2 grammi di cocaina. Si tratta di Maria Agata Palermo (a sinistra nella foto) 31enne, Florentina Goriuc (al centro) 27enne rumena, e Giovanni Indovino (a destra) 48enne, tutti e tre residenti a Catania.

PALERMO Maria Agata classe 1986 GORIUC Florentina classe 1990 INDOVINO Giovanni classe 1968

 In particolare, gli uomini della squadra mobile di Enna, diretti dal dirigente vice questore aggiunto, dottore Gabriele Presti e coordinati dal commissario capo, dottore Emanuele Vaccaro, con gli uomini del commissariato di P.S. di Piazza Armerina, diretti dal dirigente commissario capo, dottore Vincenzo Sangiorgio, ieri mentre nel tratto di strada statale che dall’autostrada porta a Dittaino, hanno notato una macchina che viaggiava ad alta velocità con tre persone a bordo dal comportamento alquanto sospetto.

Essendo già calato il buio, in una strada statale priva di luci, con l’obiettivo di eseguire un controllo più accurato, i poliziotti hanno deciso di affiancarli e hanno notato che si trattava di un uomo e due donne, una delle quali, seduta davanti, era visivamente preoccupata alla vista degli agenti.

A quel punto i poliziotti gli hanno intimato di fermarsi e immediatamente tutti e tre i soggetti si sono mostrati particolarmente agitati, soprattutto la donna seduta davanti, che non voleva scendere dalla macchina. Sotto le sue gambe, infatti, i poliziotti hanno trovato subito un grande pacco in cellophane. Al suo interno era nascosto un chilo di marijuana, che emanava un forte odore di sostanza stupefacente. In più, da una perquisizione più approfondita, nelle tasche dei pantaloni della donna i poliziotti hanno trovato una pallina di cocaina di circa 1,6 grammi.

Un’altra pallina di cocaina, sempre di circa un grammo, invece, è stata trovata addosso della ragazza di origine rumena a seguito dello sviluppo della perquisizione. I tre malviventi, visti fra l’altro i numerosi pregiudizi di polizia e tenuto conto che lo stupefacente sarebbe stato idoneo a confezionare oltre 3.000 spinelli e circa sette dosi di cocaina, sono stati pertanto arrestati

La sera stessa su disposizione dell’autorità giudiziaria, la procura della Repubblica nel Tribunale di Enna, ovvero il dottore Francesco Rio che coordina brillantemente le indagini, sono stati sottoposti agli arresti domiciliari.

Commenti

commenti

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA