Terranostra

Via De Gasperi: cittadini chiedono l’intervento dell’Amministrazione

sicurezza allagamenti protesta
12 nov 2015 - 17:57

CATANIA - Le condizioni in cui attualmente versa la via Alcide De Gasperi di Catania hanno spinto gli abitanti del posto ed i membri del comitato spontaneo “Terranostra” a scendere in strada per dar vita ad un sit-in.

sit in gasperi

Ciò che più di altro sembra premere ai cittadini è la sicurezza dell’arteria stradale che, almeno secondo i progetti urbanistici di Palazzo degli Elefanti, assolverà al ruolo di via di sbocco per moto e automobili a partire dal momento in cui il Lungomare di Catania verrà definitivamente chiuso al traffico, divenendo quindi una zona a percorrenza pedonale. La via Alcide De Gasperi però è da anni divisa a metà da un cantiere in cui i lavori sembrano non avere mai fine.

catania protesta disagi

A seguito di numerosi incidenti verificatisi in zona quindi il comitato spontaneo “Terranostra” ha chiesto a gran voce alle istituzioni un tavolo di concertazione; soltanto in questo modo infatti si potrà discutere dei tanti disagi che quotidianamente danneggiano i commercianti ed i residenti. Nello specifico i cittadini hanno scelto di protestare per le condizioni del manto stradale che non soltanto non consente il regolare deflusso delle acque piovane (problema che si traduce spesso nell’allagamento della strada dopo i temporali), ma inoltre è caratterizzato da una moltitudine di buche e avvallamenti.

decoro sicurezza viabilità

A rendere poco sicura la viabilità in via Alcide de Gasperi è anche l’arredamento stradale: pali della luce collocati in zone poco opportune (alcuni persino in mezzo alla strada), segnaletica insufficiente e, situazione purtroppo diffusa a Catania, l’assenza di marciapiedi. Non mancano infine le frequentazioni poco raccomandabili o comunque lesive del pubblico decoro.

Nicolò Sofia, presidente del comitato spontaneo “Terranostra” ha quindi dichiarato: “Il continuo passaggio di camion, furgoni, macchine, moto ed ogni tipo di mezzo pesante si verifica quotidianamente in condizioni estremamente critiche. Buche e avvallamenti mettono a dura prova pneumatici e sospensioni. Non va meglio nemmeno per i pedoni perché chiunque provi ad attraversare la strada rischia di essere investito mentre, dopo una giornata piovosa, il passaggio delle vetture costringe la gente a fare un bagno indesiderato. Le proteste dei cittadini non lasciano spazio, quindi, a dubbi o interpretazioni: via De Gasperi è estremamente pericolosa e, dopo tanto tempo, è ancora un cantiere a cielo aperto anche dall’altra parte della strada nei pressi di piazza Europa. Le proposte del comitato ‘Terranostra’ prevedono una nuova bitumazione, lo spostamento dei pali della luce ai bordi delle corsie e un sistema per il deflusso delle acque piovane efficiente e continui controlli delle forze dell’ordine“.

 

Commenti

commenti

Valentina Idonea



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un Commento