Protesta

Via D’Annunzio, i commercianti: “Affari giù del 50%, la nuova viabilità ci uccide”

commercianti ct 7-10-14 (5)
7 ott 2014 - 14:26

CATANIA – “Giunta Bianco: basta con gli incompetenti, ci costringono a licenziare e chiudere le attività”. Ma anche “Amministrazione Bianco. Più devastante della crisi!!”.

La rabbia dei commercianti catanesi è tutta nelle locandine che stamattina sono state affisse nelle vetrine delle botteghe, tra manichini, capi d’abbigliamento e giocattoli.  Dopo la nuova viabilità istituita dai primi mesi di agosto dall’amministrazione comunale in via Gabriele D’Annunzio all’incrocio con corso delle Provincie, chi qui ha un’attività rischia di chiudere i battenti.

Calo delle vendite, del 35% fino a sfiorare il 50%  - lamentano in coro i commercianti. E se gli affari diminuiscono da una parte,  dall’altra ad aumentare è il traffico che in alcune ore della giornata diventa da “bollino rosso”.

“Affitti alti e crisi, e adesso a metterci in ginocchio anche la nuova viabilità - dice Salvina Albani, commerciante -. Siamo molto arrabbiati perché,  se non ci aiuta l’amministrazione chi ci deve aiutare”.

E Salvo Previti, dipendente di un negozio della zona: “Abbiamo registrato un calo del 35%, i clienti si lamentano perché non riescono più ad arrivare nel nostro punto vendita per il troppo caos”.

commercianti ct 7-10-14 (2)      commercianti ct 7-10-14 (3)

Dopo la raccolta firme (oltre 300 quelle depositate nei giorni scorsi all’Assessorato Attività Produttive) oggi i negozianti sono scesi in strada per denunciare gli enormi disagi che da 60 giorni stanno vivendo. A mobilitarsi contro il nuovo piano di viabilità la Confcommercio.

Dura la critica di Francesco Sorbello, vice direttore generale dell’associazione, stamattina durante la conferenza stampa. “È l’ennesimo fallimento dell’amministrazione. Questa è una zona ad alta vocazione commerciale, se la svuotiamo di questo, muore un pezzo della città. Oggi proclamiamo lo stato di agitazione della categoria. Per giovedì è previsto un incontro coi capigruppo consiliari e i presidenti commissioni viabilità e commercio”. 

E aggiunge Sorbello: “Bisogna ritornare immediatamente alla vecchia viabilità, installando semmai dei semafori agli incroci, via D’Annunzio con corso delle Provincie e via D’Annunzio con via Vittorio Emanuele Orlando. Se ciò non dovesse accadere non escludiamo nuove iniziative di protesta, come la chiusura simbolica dei negozi della zona”.

commercianti ct 7-10-14 (4)      commercianti ct 7-10-14 (1)

Sulla nuova viabilità in via D’Annunzio ad aver mostrato sin dall’inizio dubbi e perplessità Orazio Grasso, vice presidente della terza circoscrizione “Borgo – Sanzio”, oggi in conferenza insieme al presidente Salvo Rapisardi.  “Da due mesi ci stiamo battendo per la rimozione delle nuove e provvisorie rotatorie e l’installazione di semafori agli incroci - avanza Grasso - Qui ogni giorno si verificano incolonnamenti e il rischio di incidenti è aumentato rispetto a prima”.

A sostegno dei commercianti anche il consigliere comunale di opposizione Manlio Messina, “Presenteremo in consiglio un’interrogazione sulla nuova viabilità, viabilità che non funziona. In un periodo di crisi bisogna aiutare i commercianti non ucciderli”.

Commenti

commenti

Mariangela Scandurra



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli Correlati

Lascia un Commento