Vertenza

Tecnis, la lotta dei sindacati: “Venga applicata la legge Marzano”

Protesta lavoratori Tecnis
9 mar 2016 - 16:49

CATANIA - Non altre settimane, ma al massimo qualche giorno e non di più, per presentare una soluzione “salva vita” su misura per la Tecnis e dunque per salvare anche i tanti lavoratori che rischiano il peggio. La Cgil e la Fillea di Catania propongono l’eventuale richiesta di utilizzo della legge Marzano per la ristrutturazione economica e finanziaria delle grandi aziende in stato di insolvenza ed anche l’eventuale cessione di complessi aziendali.

L’appello arriva dai segretari generali della Fillea di Catania, Giovanni Pistorio e della Camera del Lavoro, Giacomo Rota, che chiedono: “Adesso che il piano di ristrutturazione del debito è stato ritirato e che, comunque sia, non è ancora stata presentata una proposta alternativa, concordato concorsuale o altro, quali sono le misure da potere adottare per mettere in sicurezza le attività, l’occupazione ed il completamento delle opere?“.

Rota e Pistorio sottolineano che il sindacatodà atto al prefetto di Catania di aver fatto, con coscienza e diligenza, quanto è stato sinora possibile per salvaguardare il patrimonio umano e professionale di Tecnis, delle sue controllanti, collegate e consortili e di aver posto le condizioni per il completamento delle opere pubbliche appaltate. Anche la nomina, a seguito dell’interdittiva antimafia di metà novembre 2015, a commissario del docente Ruperto che adesso, a seguito del sequestro giudiziario disposto dal Tribunale di Catania a fine febbraio è stato nominato commissario giudiziario, è stata in questo senso una scelta giusta“.

“Adesso ci conforta pure la notizia che da un giorno all’altro potrebbe essere revocata anche l’interdittiva antimafia il che metterebbe l’azienda nelle condizioni di poter partecipare a nuove gare di appalto e di potere sottoscrivere i contratti di appalto per le gare già aggiudicate ed i cui lavori, naturalmente, non sono stati avviati. Ma basterà questo a salvare il patrimonio professionale e a mettere al riparo la comunità dal rischio del danno che emergerebbe per il mancato completamento dei lavori della Ferrovia Circumetnea e di quelli relativi all’Ospedale San Marco di Librino, opere il cui completamento è propedeutico all’avvio di tutta una fase di nuovi lavori?“.

La risposta la daranno i fatti e per questo, secondo il sindacato degli edili, ogni giorno perduto è una pericolosa assunzione di nuove responsabilità.

Nel caso di crollo aziendale, quale potrà essere il destino delle migliaia di fornitori e di chi lavora per loro, novecento dei quali risiedono nel nostro territorio, ai quali si devono complessivamente quasi 100 milioni di euroSe qualcuno pensa che l’intervento della giustizia nel caso in questione così come in casi simili sia, anche se necessario, la causa del tracollo dell’imprenditoria nostrana, è un mistificatore. La causa del crollo di questo colosso dai piedi d’argilla è imputabile soprattutto alla malagestione, tanto è vero che quasi contemporaneamente ai fatti giudiziari ed a partire dal 9 novembre 2015 Tecnis ha presentato in Tribunale un programma di ristrutturazione del debito per circa 300 milioni di euro che non tenendosi in piedi è stato ritirato, prima della eventuale omologa/rigetto, il 18 febbraio scorso. Adesso è necessario entrare nell’ottica della proposta e non rassegnarsi a subire gli accadimenti e l’inevitabile fine“, hanno concluso i rappresentanti sindacali.

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA