Delitto Loris

Veronica Panarello, dichiarazioni sconvolgenti di una donna sempre più sola

veronica panarello
12 feb 2016 - 17:30

RAGUSA - Andrea Stival era il mio amante, ha ucciso lui Loris con un cavo elettrico”.

Si è pronunciata così Veronica Panarello fornendo unulteriore versione (l’ennesima) anticipata dal programma televisivo Quarto Grado nella serata di ieri.

Veronica diventa così sempre più sola, i suoi sostenitori iniziano ad avere dubbi sempre più seri e ad “abbandonarla”. La controparte è invece sempre più accanita contro di lei, compreso il suocero e presunto amante Andrea Stival che ha prontamente dato mandato al proprio legale di procedere con la querela contro la Panarello per calunnia.

“Andrea Stival non è stato mai coinvolto e la sua posizione è stata già vagliata in tutti i modi – ha dichiarato l’avvocato Francesco Biazzo -. Il mio assistito, peraltro, è stato già ammesso come parte civile al processo e non ci sono immagini che testimoniano l’accusa lanciata dalla Panarello”.

Il nonno del piccolo Loris si è dichiarato sereno in quanto magistratura e investigatori hanno vagliato la sua posizione.

Loris aveva scoperto che, secondo quanto raccontato dalla Panarello, la madre ed il nonno erano amanti ed entrambi avevano paura che il bambino riferisse tutto al padre e quindi sarebbe stata costretta da Stival ad utilizzare le fascette per bloccargli le mani, vedendo Loris perdere la vita. Perciò, teoricamente, Veronica avrebbe taciuto per tutto questo tempo per proteggere il figlio più piccolo da una “vendetta” del nonno.

L’accusa resta vaga e fatta da una donna che ormai non sa più in che specchi aggrapparsi: che sia una denuncia per far credere di non essere in grado di intendere e di volere e di farsi vedere agli occhi altrui mentalmente instabile? La certezza è che la Panarello sarà ancor di più la sorvegliata speciale in ogni carcere in cui sarà detenuta.

L’avvocato di Veronica, Franco Villardita, tace e non rilascia dichiarazioni in merito; Davide Stival è avvolto nel silenzio e nella confusione più totale, racchiudendosi in quello che per lui è diventato un inferno.

A Veronica hanno dato della “pazza“, dell’ “assassina” e della profonda “bugiarda“, si è detto che merita l’ergastolo: il punto è che sicuramente questa donna ha un fardello che si porta dietro da troppo tempo ed è sul punto di scoppiare.

E Loris? Magari guarda da lassù tutto questo, chiedendo che una volta per tutte venga fuori la verità e che finalmente possa riposare in pace, con l’archiviazione del caso per sempre.

Gabriele Paratore



© RIPRODUZIONE RISERVATA