Accuse

Turiste violentate a Firenze: palermitano uno dei due carabinieri coinvolti

paletta
12 set 2017 - 12:09

PALERMO - Nuovi risvolti nel caso che ha visto la violenza ai danni di due turiste americane da parte di due carabinieri a Firenze. Sembrerebbe che uno dei due militari accusati dell’abuso sessuale sia palermitano.

Il fatto sarebbe avvenuto lo scorso mercoledì notte, quando le due, una di 19 e l’altra di 21 anni, sarebbero state avvicinate dai due militari fuori da un locale perché ubriache. I carabinieri le avrebbero scortate a casa con l’auto di servizio, ma dopo, anziché lasciarle andare, le avrebbero bloccate nell’androne del palazzo del centro storico per poi stuprarle. Le due studentesse, a Firenze per un soggiorno di studio in una nota università Usa con sede nella città toscana, il giorno dopo hanno presentato denuncia in questura.

Soltanto ora, come riportato da “La Nazione”, sarebbero emersi i nomi dei due militari coinvolti, M. C., di Prato, e P. C., 32 anni, palermitano. I due sono stati immediatamente sospesi.

Uno dei due, si è presentato in procura con il suo legale e ha rilasciato la propria dichiarazione, ammettendo di aver avuto rapporti sessuali con una delle ragazze, ma specificando che questa era consenziente. Secondo quanto detto dal carabiniere, le turiste li avrebbero invitati a salire in casa e loro avrebbero accettato. Uno dei due militari, invece, ha respinto ogni accusa, nonostante il collega abbia dichiarato di averlo visto andare in ascensore insieme all’altra ragazza. Il palermitano sarà interrogato nei prossimi giorni.

Le studentesse, intanto, rimangono convinte di ciò che hanno denunciato.

Commenti

commenti

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA