Sicurezza

Turista belga bloccato all’aeroporto di Comiso: aveva nascosto un’arma vietata tra i bagagli

sicurezza viaggio trasporti
18 ago 2015 - 12:16

COMISO - La polizia di frontiera  ha bloccato ieri al check in dell’aeroporto di Comiso un uomo di 50 anni proveniente dal Belgio che aveva nascosto tra i suoi bagagli un un coltello a scatto con lama lunga.

L’arma, prontamente rilevata dalla security e dai monitor del sistema di controllo in dotazione all’aeroporto, appartiene alla lista degli oggetti il cui trasporto su aerei di linea è vietato dalle norme sulla sicurezza.

Il passeggero di origini belghe che aveva messo il coltello tra i suoi effetti personali stava per imbarcarsi sul volo diretto a Charleroi; l’uomo, una volta perquisiti a fondo i suoi bagagli, è stato subito condotto negli uffici della polizia di frontiera. Qui gli agenti hanno subito verificato tanto la sua fedina penale, quanto l’eventuale possibile collegamento con cellule terroristiche

Dal controllo è emerso che questi non aveva alcun precedente e nemmeno dei legami con gruppi legati al terrorismo internazionale.

Il turista, di cui al momento non sono stati ancora diffusi dati relativi all’identità, è stato ricondotto subito all’aeroporto di Comiso: qui ha preso un volo diretto in Belgio.

La polizia di frontiera, come del resto era prevedibile, ha denunciato il turista belga per il possesso di arma di genere vietato. Per ironia della sorte, giunto nuovamente al check in dell’aeroporto di Comiso, l’uomo si è congratulato con gli addetti alla sicurezza aeroportuale ai quali non ha mancato di rivolgere persino dei complimenti.

Commenti

commenti

Valentina Idonea



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un Commento