Meteo

Tuoni, fulmini e saette: la Sicilia e l’allerta meteo. Maltempo anche oggi

maltempo
2 nov 2015 - 08:01

SICILIA - Danni ai collegamenti e disagi pesanti alla popolazione. Un giorno dei morti da ricordare a causa della  violenta ondata di maltempo che si è abbattuta sulla Sicilia.

Nel weekend sono state centinaia le telefonate con richieste d’aiuto giunte ai centralini dei Vigili del Fuoco di tutta la Regione. Smottamenti, cornicioni caduti, alberi e cartelloni pubblicitari divelti, scantinati e garage allagati si sono registrati su tutta l’isola.

Nelle campagne tra Catania ed Enna il torrente Vardasino è esondato, costringendo alla chiusura la Strada Statale 288 di Aidone, mentre il mare grosso ha impedito i collegamenti con le isole Eolie e Ustica, dove a causa della burrasca tre imbarcazioni sono affondate nel porticciolo. La furia del vento ha creato diversi danni alle imbarcazioni ormeggiate.

A Palermo, alcune auto sono rimaste danneggiate dopo essere state colpite dagli alberi spezzati a causa del vento e dell’acqua.

Tra sabato e domenica, decine di automobilisti sono rimasti bloccati nelle proprie vetture semi sommerse da veri e propri torrenti. Fortunatamente, tutti sono stati soccorsi senza problemi.

Sulla A19 Palermo-Catania, a causa degli allagamenti è stato chiuso temporaneamente al traffico, in entrambe le direzioni, lo svincolo di Motta Sant’Anastasia. Sulle altre strade statali interessate dal maltempo sono proseguiti senza sosta i monitoraggi delle squadre Anas, e gli interventi per completare la rimozione dei detriti e del fango dalla carreggiata.

In provincia di Enna, dopo la frana che ha interessato viale Caterina Savoca, la strada che dal Castello di Lombardia porta alla piazza Garibaldi, sede della Prefettura, la Provincia ha chiuso la Strada Provinciale 2 che collega l’autostrada alla zona monte di Enna. Al capoluogo si accede solo da Enna Bassa.

IMG_9677  IMG_9678

Secondo i tecnici anche questa strada, sottostante alla frana, è a rischio. Cinque famiglie ed un ristorante sono stati sfollati. Due nuclei familiari sono stati alloggiati in un albergo mentre gli altri hanno trovato ospitalità nelle abitazioni dei propri familiari.

Chiuso per frana un tratto della statale 114 in località Scaletta Zanclea, in provincia di Messina. Per il maltempo a Messina e’ stato chiuso il porto di Tremestieri. I mezzi pesanti sono stati dirottati verso il centro città. Per il vento alcuni alberi sono caduti vicino villa Royal non colpendo auto e passanti. Allagamenti si sono registrati nei villaggi di Torre Faro e Tremestieri.

Anche qui, alcune famiglie sono rimaste isolate, mentre a Milazzo il sindaco ha disposto la chiusura di tutte le scuole pubbliche, private e parificate di ogni ordine e grado presenti sul territorio comunale per l’intera giornata di oggi.

Stessa cosa è stata decisa dal sindaco di Siracusa Giancarlo Garozzo. L’allerta meteo con doppio codice rosso, sia per il rischio idraulico sia per il rischio idrogeologico diffuso dalla Protezione civile, proseguirà per tutta la giornata di oggi.

A Catania è sospesa l’attività didattica nelle scuole di ogni ordine e grado, sia pubbliche che private e negli asili nido. Rimarranno inoltre chiusi il cimitero, la Fiera dei Morti, il Giardino Bellini e gli altri parchi cittadini.

Secondo il bollettino diffuso dalla Protezione civile sono previste sull’intera Sicilia orientale precipitazioni sparse, a prevalente carattere di rovescio o temporale con quantitativi cumulati da elevati a molto elevati con fulmini e venti forti.

Commenti

commenti

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli Correlati

Lascia un Commento