Arresto

Bronte, truffatore in fuga investe maresciallo dei carabinieri

Carabinieri volante
3 ott 2015 - 18:17

BRONTE – Storia incredibile quella che è culminata, questa mattina, nell’arresto di Francesco Di Giovanni, 36enne di Adrano, accusato di resistenza a pubblico ufficiale e lesioni personali aggravate.

Francesco Di Giovanni

Francesco Di Giovanni

Poco prima di mezzogiorno, alla centrale operativa della Compagnia di Randazzo, è arrivata una chiamata per segnalare la classica truffa dello specchietto in corso al centro della città, ai danni di un anziano signore. 

La polizia ha immediatamente iniziato le ricerche del truffatore che, stando alla segnalazione, si trovava alla guida di un’autovettura di colore bianco. Intercettato poco dopo la segnalazione, l’uomo è stato sottoposto a controllo dalla polizia.

Ma è stato proprio in quel momento che la situazione ha preso una svolta inaspettata. Di Giovanni, probabilmente colto dal panico, ha tentato la fuga compiendo una manovra maldestra investendo il malcapitato maresciallo dei Carabinieri.

Incurante di tutto, il truffatore ha continuato la sua folle corsa trascinando con sé, per diversi metri, il militare dell’arma rimasto letteralmente agganciato all’autovettura. Il maresciallo, a causa della rovinosa caduta, ha riportato contusioni alla spalla e al ginocchio.

Le vie della città, in seguito all’incidente, si sono pertanto animate per via di un frenetico inseguimento che si è concluso a causa dell’ennesimo errore del truffatore che, sbagliata la manovra, si è schiantato contro un marciapiede e ciò ha decretato la sua inevitabile resa.

Nel sedile posteriore dell’autovettura è stata recuperata la somma di € 45,00, guadagno dell’attività truffaldina, e un coltello portato illegalmente.

Inoltre, Di Giovanni è stato trovato alla guida privo di patente e di assicurazione, motivo per il quale l’autovettura è stata sottoposta a sequestro per la successiva confisca.

Commenti

commenti

Daniela Torrisi



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un Commento