Bancarotta

Trasferiscono soldi ad altra società, beffati i creditori: in manette due imprenditori

Guardia di Finanza
31 gen 2017 - 13:05

CARINI - Nella mattinata odierna i finanzieri della Brigata di Carini hanno arrestato due imprenditori palermitani per bancarotta fraudolenta.

Il provvedimento è stato emesso dall’ufficio Gip, su richiesta della Procura della Repubblica, che ha coordinato e diretto le indagini svolte dalle fiamme gialle.

Secondo gli esiti dell’attività investigativa, condivisi dal Gip nella propria ordinanza, l’indagato P.F., di Palermo, 34 anni, amministratore di fatto della società dichiarata fallita, il cui legale rappresentante, S.B. di Palermo, 71 anni, è anch’egli indagato, operante nel carinese nel settore della produzione di gesso, ha trasferito ad un’altra società, anche questa a lui riconducibile, parte del patrimonio aziendale.

In questo modo, l’imprenditore si è liberato dei beni utili a risarcire i creditori, trasferendoli ad un’altra realtà imprenditoriale che, priva di alcun debito “iniziale”, ha potuto operare sul mercato anche in condizione di assoluto favore rispetto agli altri competitor, falsando ulteriormente le regole del mercato a danno dei tanti imprenditori onesti.

I due indagati sono stati posti agli arresti domiciliari.

Commenti

commenti

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un Commento