Protesta

Trapani: sit-in dei 65 ausiliari ospedalieri che rischiano il posto di lavoro

sit in
18 ago 2016 - 19:25

TRAPANI –  Nuovo sit-in questa mattina davanti all’Asp di Trapani dei 65 ausiliari ospedalieri che rischiano di perdere il lavoro a inizio settembre. Il 31 agosto, infatti, terminerà l’appalto che la ditta “Logistica ospedaliera” si era aggiudicata quattro anni fa.

L’iniziativa odierna, promossa da Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs, fa seguito ai diversi sit-in che nei giorni scorsi si sono svolti davanti alla prefettura di Trapani, all’Asp e al nosocomio San’Antonio Abate.

Resteranno senza occupazione 65 persone che attualmente svolgono servizi di supporto logistico, facchinaggio, portierato, trasporto salme e giardinaggio nei presidi ospedalieri di Trapani, Marsala, Mazara del Vallo, Castelvetrano, Salemi, Pantelleria ed Alcamo, creando in tal modo non pochi disagi ai pazienti e rischiando di compromettere il normale funzionamento delle strutture.

I segretari Filcams Cgil e Uiltucs Trapani Anselmo Gandolfo e Mario D’Angelo dichiarano: “Le risposte fornite al momento dall’Asp non ci lasciano soddisfatti. Dal primo settembre chi svolgerà i servizi attualmente coperti dai 65 ausiliari? Con la manifestazione di oggi rivendichiamo ancora una volta i diritti di questi lavoratori e chiediamo che l’Asp faccia tutto il possibile per garantire continuità occupazionale ai 65 addetti, alcuni dei quali svolgono le loro mansioni già da tempo, e che potranno essere salvati dalla perdita del lavoro solo se verrà svolta una nuova gara d’appalto, in quanto il loro contratto nazionale di lavoro prevede il passaggio dall’azienda cedente all’azienda subentrante”.

Aurora Circià



© RIPRODUZIONE RISERVATA