Criminalità

Tramortiscono un signore anziano per levargli 1.300 euro: 2 arresti

Volante Polizia 19 agosto 2015
24 ott 2015 - 12:27

CATANIA - Giampiero Trovato e  Antonio Tringale, sono i due uomini arrestati dalla polizia di stato per rapina aggravata ai danni di un pensionato catanese di settantotto anni, che hanno derubato della somma di ben 1.300,00 €, prelevata poco prima .  

TROVATO Giampiero  classe 1985TRINGALE Antonio  classe 1963

I due rapinatori hanno aggredito e scaraventato a terra l’anziano, che ha cercato prontamente di difendersi, ma con scarsi risultati a causa della sua età e del numero degli aggressori. 

La vittima, che ha riportato delle lievi lesioni al volto e a una mano, ha subito denunciato il fatto alla polizia, fornendo un’attenta descrizione dei due.

La squadra mobile - sezione contrasto al crimine diffuso – è subito intervenuta sulla scena del crimine su indicazioni della vittima, dove ha trovato uno smartphone che, dopo vari accertamenti presso il gestore di telefonia mobile della scheda contenuta all’interno dell’apparecchio, è risultato appartenere a Giuseppe Trovato.

Nel frattempo il suddetto formalizzava denuncia di rapina del proprio scooter, da parte di due individui che non aveva potuto vedere a causa del casco, e dichiarava che all’interno del motorino vi era lo smartphone in questione.

Ma a fregare i due rapinatori, che stavano cercando di rimediare al loro maldestro errore, la denuncia di un uomo che aveva ritrovato il portafogli di Giuseppe Trovato nei pressi dell’abitazione di Antonio Tringale e la scoperta di contatti tra i due, attraverso la disamina del telefono, avvenuti poco prima della rapina.

Non potendo più nascondersi davanti all’evidenza, Trovato è stato immediatamente rintracciato ed accompagnato presso gli uffici della mobile dove ha riconosciuto il proprio telefono cellulare ed ha ammesso le proprie responsabilità.

Intanto gli equipaggi della sezione “Condor” avevano già raggiunto l’abitazione di Tringale Antonio, che, dopo aver cercato di scappare attraverso il retro della sua abitazione, è stato bloccato. Nel suo appartamento sono state trovate altre prove della rapina, tra cui il casco usato dall’uomo, e si è scoperto che i due sono entrambi pregiudicati, in particolare Tringale per reati specifici contro il patrimonio.

I due sono stati dichiarati in stato di arresto ed associati presso il carcere di piazza “Lanza” di Catania a disposizione dell’A.G.

Commenti

commenti

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un Commento