Criminalità

Tentano furto ma vengono beccati: arrestati quattro catanesi

carabinieri messina
31 gen 2017 - 17:59

MESSINA – Nella serata di ieri i carabinieri di Graniti, in collaborazione con quelli di Giardini Naxos, hanno arrestato quattro cittadini catanesi, già con precedenti di polizia, per tentato furto aggravato in concorso in flagranza di reato all’interno di una privata abitazione e resistenza a pubblico ufficiale.

L’operazione è stata disposta dai carabinieri di Taormina per frenare il fenomeno dei reati contro il patrimonio. I quattro soggetti arrestati sono Michael Santo Antonio Battaglia, 25 anni, residente a Tremestieri Etneo, Alfio Bonconsiglio, 49 anni, residente a Catania, Tommaso Savasta, 43 anni, residente a Catania, e Rosario Stefano Parisi, 41 anni e residente anch’egli a Catania.

carabinieri messina 1  bonconsiglio parisi savasta

Nel pomeriggio di ieri, nella frazione Trappitello del comune di Taormina, si erano introdotti all’interno di una palazzina in via Francavilla e dopo aver scardinato il portone d’ingresso con un grosso cacciavite sono entrati all’interno dell’abitazione. Ma la proprietaria, che si trovava all’interno, si era accorta degli strani rumori che provenivano dall’ingresso della sua casa e ha dato l’allarme.

I quattro malviventi a quel punto hanno tentato la fuga provando a far perdere le proprie tracce e, una volta saliti a bordo della loro macchina presa a noleggio, si sono diretti verso il casello di S. Gregorio dell’autostrada A18 per raggiungere Catania. Ma hanno trovato i militari in più pattuglie, che chiudendo ogni via di fuga, al termine di un breve inseguimento, hanno arrestato i quattro soggetti con la pesante accusa di tentato furto aggravato in concorso e resistenza a pubblico ufficiale sempre in concorso tra di loro.

Dopo la denuncia da parte della vittima i militari hanno sequestrato degli arnesi atti allo scasso, quattro telefoni cellulari e la vettura presa a noleggio e utilizzata per compiere il reato. Arrestati ed espletate le formalità di rito, sono stati trattenuti nelle camere di sicurezza della stazione di Giardini Naxos in attesa del giudizio di convalida innanzi alla competente autorità giudiziaria di Messina, e oggi sono stati sottoposti agli arresti domiciliari.

Commenti

commenti

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un Commento