Svolta

Teatro Stabile, Giorgio Pace è il nuovo commissario

Giorgio Pace
Giorgio Pace, sovrintendente Opera Sinfonica Siciliana
18 giu 2016 - 18:03

CATANIA - Da fiore all’occhiello ad autentico disastro per la città di Catania. Parliamo del Teatro Stabile, al centro di numerose bufere per la sua cattiva gestione.

Il cambio di rotta è necessario se non si vuole che lo Stabile vada definitivamente al collasso. Ragion per cui l’assessore al Tursimo, Anthony Barbagallo, ha scelto Giorgio Pace come commissario del teatro. 

Una scelta arrivata forse tardi, ma che lascia ancora qualche speranza. Pace, infatti, sembra l’uomo giusto, dato che gli è stato già affidato il compito di risanare i debiti della Sinfonica Siciliana. Adesso, dunque, dovrebbe occuparsi anche di recuperare i 13 milioni di euro di crediti dello Stabile. 

Il tutto dopo le dimissioni del presidente, Salvo La Rosa, e la scadenza del contratto del direttore, Giuseppe Di Pasquale. Una gestione difficile e forse anche con poca attenzione, come dichiarato qualche mese fa da Ersilia Saverino.

Adesso si attende il parere dell’Assemblea Regionale Siciliana sulla compatibilità. Qualora dovesse andare tutto nel migliore dei modi, Pace si insedierà tra circa 10 giorni ed avrebbe 3 mesi di tempo per rilanciare il Teatro Stabile.

Andrea Lo Giudice



© RIPRODUZIONE RISERVATA