Vertenza

Teatro Stabile di Catania, arrivano i soldi per i lavoratori

conferenza teatro stabile
30 ott 2015 - 18:32

CATANIA - Arrivano buone notizie per i lavoratori e gli artisti del teatro Stabile di Catania che vedranno sbloccato il pagamento dei loro stipendi, in ritardo ormai di mesi. La direzione del Teatro Stabile ha infatti confermato ai sindacati che “l’erogazione del contributo da parte della Regione siciliana è andato a buon fine e che, a seguito della compensazione di alcune pendenze, è stato pure permesso lo sblocco del Durc (Documento unico regolarità contributiva) dando avvio alla fase di erogazione fondi da parte del Ministero (fondi Fus ), che dovrebbero arrivare nel giro di qualche giorno. Ciò permetterebbe il pagamento delle spettanze ai 35 lavoratori e agli artisti che fino ad oggi hanno assicurato il normale svolgimento delle produzioni”.

Lo comunicano le segreterie di Slc Cgil e Uilcom Uil di Catania che hanno raccolto queste informazioni nel corso di un incontro tenutosi lo scorso 28 ottobre. L’incontro aveva lo scopo di approfondire le questioni relative alle condizioni economiche e finanziarie dell’ente e sul pagamento delle spettanze arretrate ai lavoratori.

“Continuiamo a ribadirescrivono le due segreterie - che il problema continua ad essere politico e di concorrenza alla spartizione delle poltrone, e non certo legato al raggiungimento del bene comune a tutela del Teatro. I sindacati hanno sempre percorso la strada del negoziato trasparente e della ricerca degli accordi possibili perché paralizzare la produzione culturale, patrimonio dell’intera collettività, non è utile. Ribadiamo che attraverso questa ragionevole condotta ci è stata data la possibilità di intervenire sugli sprechi, e segnaliamo positivamente che al Teatro in questi ultimi anni sono state ridimensionate fortemente le spese, gli affitti e le consulenze e adesso si sta lavorando per porre fine alle sperequazioni contrattuali. Su quest’ultimo punto ci aspettiamo a breve una convocazione dell’ente”.

Commenti

commenti

Santi Liggieri



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli Correlati

Lascia un Commento