Sindacati

“Tagli” ai patronati, domani volantinaggio all’Inps di Catania

pensionati
11 nov 2014 - 19:05

CATANIA – Domani, mercoledì 12 novembre, dalle 9 alle 12, davanti alla sede dell’Inps di viale Libertà a Catania si svolgerà un volantinaggio a cura dei patronati di Cgil, Cisl, Uil (Inas, Inca e Ital) e Acli, riuniti nel Ce.Pa., contro i tagli previsti dalla nuova legge di stabilità del governo nazionale.

L’intento è di sensibilizzare l’opinione pubblica su una questione vitale per il rispetto dei diritti costituzionalmente garantiti.

Acli, Inas, Inca e Ital ribadiscono con forza che la sottrazione delle risorse al fondo patronati, se approvata così com’è, si tradurrebbe in un’altra tassa occulta ai danni delle persone socialmente più deboli costrette, dietro pagamento, a rivolgersi al mercato selvaggio di sedicenti consulenti, che operano senza alcun controllo e senza regole.

Infatti, mentre i lavoratori e le lavoratrici dipendenti continueranno a pagare integralmente i contributi previdenziali all’Inps, lo Stato incamererà la quota oggi destinata alla tutela gratuita per destinarla ad altri scopi non precisati.

Il Governo, quindi, finirà per appropriarsi di soldi che sono dei lavoratori senza specificarne l’utilizzo. Una beffa a cui si aggiunge un danno economico serio che aggraverà le già precarie condizioni di coloro che pagano con la disoccupazione e la povertà le conseguenze di una crisi gravissima.

«Quella del governo è una scelta scellerata – commenta Vincenzo Salanitri, direttore della sede catanese dell’Inas – che metterà in ginocchio la rete di solidarietà dei Patronati che rimangono l’unico welfare gratuito a favore dei disoccupati, dei pensionati, dei lavoratori, dei cittadini stranieri e degli italiani all’estero. Tutti loro, oltre a patire la crisi economica, si troveranno a pagare per un servizio oggi gratuito, con il rischio di dover rinunciare alle tutele previdenziali e assistenziali cui hanno diritto».

Commenti

commenti

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli Correlati

Lascia un Commento