Inganno

Acireale, Swiss Made: scoperta la frode dei falsi contratti

Swiss_army_knife_open_20050612_(cropped)
6 feb 2016 - 12:51

ACIREALE - Fino a 420 euro per un contratto di lavoro: così un trentasettenne di Lentini ha truffato tante persone disposte a tutto pur di lavorare.

Prometteva l’immediata assunzione presso una fantomatica ditta, la “SWISS MADE”; ovviamente, per avere il lavoro occorreva versare una quota in denaro che oscillava tra i 200 e i 420 euro, motivando la spesa come “anticipo per le spese di vitto e alloggio”.

Lo hanno scoperto e denunciato gli agenti della Sezione Investigativa del Commissariato della polizia di Stato di Acireale che hanno pure trovato in suo possesso una cartella contenente sei contratti di lavoro debitamente firmati e “quietanzati”.

Sfruttava il suo ricovero nell’ospedale di Acireale per attirare ignare ed ingenue persone riuscendo a ottenere, in cambio della “assunzione” denaro in contante o versamenti su una Poste-pay poi risultata intestata alla madre dell’indagato.

E, per rendere più verosimile il raggiro, aveva pure acquistato quattro biglietti aerei per la tratta Catania – Zurigo, intestandoli ad altrettante vittime della frode.

Nel commissariato di Acireale, le persone truffate – individuate e convocate grazie ai dati inseriti nei contratti – hanno confermato le dinamiche e le modalità dell’imbroglio, sporgendo querela nei confronti del responsabile.

Viviana Mannoia



© RIPRODUZIONE RISERVATA