#AnticrimineOggi

Succede a Trapani e provincia: venerdì 21 ottobre MATTINA

succedetrapani21ottobre
21 ott 2016 - 13:28

TRAPANI - Ecco i fatti di cronaca più importanti di Trapani e provincia:

  • Nel primo pomeriggio di ieri, i militari della Stazione Carabinieri di San Vito Lo Capo hanno arrestato Luca Fiorino, cittadino sanvitese di 35 anni. L’uomo è responsabile di aggressione e rapina nei confronti di C.N., italiano di 40 anni, residente a Torino ma dimorante a San Vito Lo Capo per tutta la stagione estiva: mentre passeggiava da solo in via Regina Margherita, Fiorino lo ha colpito con un pugno sul volto, scippandogli il borsello contenente 80 euro, per poi dileguarsi a piedi per le vie limitrofe facendo perdere le proprie tracce. I Carabinbieri della Stazione di San Vito Lo Capo, guidati dal Maresciallo Aiutante Salvatore Doria, si sono da subito messi sulle tracce dell’aggressore, identificandolo grazie alle testimonianze dei presenti e ad un’attenta analisi delle registrazioni delle telecamere di videosorveglianza presenti in zona. Nella giornata di ieri, dopo l’emissione del ordinanza di cattura da parte del GIP del Tribunale di Trapani, è scattato il blitz ed i militari hanno arrestato Fiorino, conducendolo nella Casa Circondariale di Trapani, a disposizione della competente Autorità Giudiziaria. L’intensificazione dei servizi esterni, di controllo del territorio, orientata alla prevenzione e alla repressione di ogni forma di criminalità messa in campo dalla Compagnia di Alcamo, di concerto con tutta la struttura del Comando Provinciale di Trapani, sta dando i suoi frutti, considerato che negli ultimi due mesi i militari della Compagnia di Alcamo, comandati dal Tenente Giulio Pisani, hanno individuato e tarrestato i cinque autori di tutte le rapine tentate e consumate nel territorio di competenza.
Luca Fiorino

Luca Fiorino, 35 anni

  • I Carabinieri della Stazione di Castelvetrano, guidati dal Luogotenente Domenico Castellano, nelle prime ore del 19 ottobre scorso hanno tarrestato Vincenzo Tristanio, castelvetranese di 39 anni, per maltrattamenti in famiglia. Il soggetto, condotto nella propria abitazione, nonostante fosse costretto agli arresti domiciliari su ordine dell’ufficio G.I.P. del Tribunale di Marsala, nella mattinata di ieri veniva individuato nei pressi del S.E.R.T. da una pattuglia del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Castelvetrano: i militari, dopo un breve pedinamento, procedevano al fermo del soggetto che si trovava in palese violazione delle disposizioni della misura cautelare alla quale risulta sottoposto. In tal senso veniva nuovamente tratto in arresto per il reato di evasione.
Vincenzo Tristanio

Vincenzo Tristanio, 39 anni

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA