#AnticrimineOggi

Succede a Siracusa e provincia: lunedì 27 marzo POMERIGGIO

anticrimine siracusa
27 mar 2017 - 17:33

SIRACUSA - Ecco i fatti di cronaca più importanti di questo lunedì pomeriggio a Siracusa e provincia.

I carabinieri del Comando Stazione di Belvedere hanno denunciato tre minori di 13 e 14 anni alla Procura dei minorenni di Catania per danneggiamento. I tre infatti sono stati sorpresi all’interno del XII Istituto Comprensivo “Vitaliano Brancati”, intenti a danneggiare due porte dello stabile, sede della scuola dove solo pochi giorni fa i carabinieri avevano incontrato gli alunni. I tre minori sono stati sorpresi all’interno del cortile dell’istituto, nel quale si erano introdotti scavalcando il recinto ed il cancello di ingresso. All’interno di uno zaino portato da uno dei tre sono stati rinvenuti numerosi attrezzi idonei allo scasso: verosimilmente l’obiettivo dei tre era quello di introdursi all’interno della scuola e sottrarre del materiale. I tre minori, accompagnati in caserma alla presenza dei genitori, sono stati così denunciati, mentre tutti gli attrezzi sono stati sequestrati.

denuncia minori Belvedere

I carabinieri della Stazione di Avola, impegnati in servizio di perlustrazione sul territorio di competenza, hanno tratto in arresto in flagranza del reato di evasione Samyr Lamloui, di 20 anni, già noto alle forze dell’ordine per i suoi precedenti di polizia ed attualmente sottoposto alla misura cautelare degli arresti domiciliari. Nel corso del primo pomeriggio i carabinieri della Stazione di Avola, impegnati nei quotidiani controlli finalizzati a verificare il rispetto degli obblighi imposti dall’Autorità Giudiziaria, si sono recati nell’abitazione del giovane notando che lo stesso era fuori casa intento a colloquiare con dei coetanei. Alla vista dei militari il gruppetto di ragazzi si è immediatamente dileguato per le vie limitrofe mentre il 20enne non ha potuto far altro che ammettere le proprie responsabilità. Condotto in caserma, il giovane è stato dichiarato in stato di arresto. Al termine delle formalità di rito, l’arrestato è stato tradotto nuovamente nella propria abitazione al regime degli arresti domiciliari in attesa della celebrazione del rito direttissimo nel Tribunale di Siracusa.

LAMLOUMI SAMYR CL.97

Commenti

commenti

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA