#AnticrimineOggi

Succede a Siracusa e provincia: lunedì 20 marzo POMERIGGIO

carabinieri1-670x445
20 mar 2017 - 20:03

SIRACUSA - Ecco i fatti di cronaca più importanti avvenuti in questo lunedì pomeriggio a Siracusa e provincia:

I carabinieri del Comando Stazione di Priolo Gargallo hanno arrestato in flagranza di reato padre e figlio: Davide Puglisi, 48 anni, con precedenti di polizia e Piergiacomo Puglisi, 22 anni, anche lui con precedenti di polizia, che all’interno della loro abitazione di Città Giardino, svolgevano una proficua attività di spaccio.

Davide Puglisi.

Davide Puglisi.


Piergiacomo Puglisi.

Piergiacomo Puglisi.

I carabinieri infatti, insospettiti dal continuo via vai presso l’abitazione dei due, hanno svolto un apposito servizio che nell’immediatezza ha permesso di fermare un assuntore locale, che aveva appena acquistato un involucro di marijuana. Da li è scattata la perquisizione domiciliare, grazie al supporto dell’unità cinofila della Guardia di Finanza di Siracusa, che ha permesso di rivenire altri 30 gr del medesimo stupefacente, suddiviso in dosi. I due sono stati accompagnati in caserma per le incombenze di rito e, su disposizione dell’AG di Siracusa, sono stati rimessi in libertà non essendo state ravvisate esigenze per l’applicazione di misure cautelari nei loro confronti.

Foto arresto Puglisi

I carabinieri del Comando Stazione di Siracusa Principale e Ortigia hanno arrestato per resistenza a Pubblico Ufficiale e lesioni Damiano Midolo, di 19 anni, con precedenti di polizia per resistenza, lesioni, ricettazione e guida senza patente.

Damiano Midolo.

Damiano Midolo.

I carabinieri con la Polizia Municipale stavano effettuando un controllo ad un locale in via Capodieci. Nei pressi dell’esercizio commerciale hanno sorpreso il 19enne, mentre alla guida di un ciclomotore e senza casco, transitava per la via pedonale. I carabinieri hanno intimato il giovane l’alt, ma lo stesso, invece di fermarsi, ha accelerato cercando di investire i militari, che sono riusciti a schivare il ragazzo e a fermarlo.

Il ragazzo ha cercato nuovamente di fuggire provocando anche alcune lesioni ad un militare dell’Arma e ad un agente della polizia municipale che hanno riportato delle escoriazioni e traumi con una prognosi di 15 giorni.

Il giovane è stato così arrestato e sottoposto agli arresti domiciliari nella propria abitazione.

Commenti

commenti

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA